OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.

Lite in Forza Italia, Magno contro De Sarro: «Se c’è lui me ne vado io»

A Catanzaro si apre un nuovo fronte nel partito. L’ex consigliere regionale rinuncia alla nomina di vice coordinatore in segno di protesta contro il pari incarico che Tallini ha conferito al giovane rientrato tra le fila di FI

di Riccardo Tripepi
martedì 10 luglio 2018
15:45
8 condivisioni
Mario Magno e Francesco De Sarro
Mario Magno e Francesco De Sarro

Si apre un altro fronte all’interno della delicata fase che sta vivendo Forza Italia. A Catanzaro Mario Magno, come annunciato da tempo, sbatte i pugni sul tavolo dopo le ultime nomine volute da Mimmo Tallini, con l’avallo del coordinamento regionale. Tallini, dintesa con il coordinatore cittadino di Lamezia Giuseppe Spinelli, ha proceduto alla nomina di due vice coordinatori provinciali Francesco De Sarro e lo stesso Mario Magno.

 

Appresa la decisione Magno non ha perso neanche un minuto prima di formalizzare la rinuncia all’incarico. Incredulo l’ex consigliere regionale nell’apprendere il nome dell’altro vice che avrebbe dovuto affiancarlo Proprio quel De Sarro, contro il quale lo stesso Magno, insieme ad altri esponenti del coordinamento cittadino quali Alessandro Cordiano e Francesco Ruberto, aveva già tuonato chiedendo che gli venisse impedito di rientrare i Forza Italia. Nel omento in cui De Sarro stava per rientrare tra gli azzurri, Magno, insieme agli altri critici, scriveva: «È doveroso ricordare- si legge in una nota - che il padre del citato esponente politico è attualmente sotto processo per compravendita di voti a favore del figlio e che il partito di Forza Italia non è una porta girevole. Questa operazione, come riportato dagli organi di informazione, è portata avanti dall’On. Domenico Tallini e dall’ex coordinatore cittadino. Giuseppe Spinelli, cognato dell’ex sindaco del comune di Lamezia Terme sciolto per infiltrazioni mafiose».

 

Tallini, insomma, non potrà dire di cadere dalle nuvole nell’apprendere la rinuncia, assai polemica, da parte di Mario Magno che commenta così la nomina di De Sarro. «Decisione incomprensibile, autoritaria e non partecipata. Un ulteriore assist per il rafforzamento dei sentimenti diffusi di antipolitica. L’ulteriore delega all’organizzazione del partito, soprattutto nel territorio lametino, conferita allo stesso De Sarro, peraltro, delegittima di fatto il segretario cittadino Giuseppe Spinelli. Se Forza Italia vuole aprirsi al territorio, rispettando principi di democrazia e trasparenza, innanzitutto – osserva Magno - deve chiedersi il motivo per il quale molti suoi esponenti si sono autosospesi non condividendo i metodi e la gestione verticistica del partito, quest’ultima drasticamente osteggiata dai cittadini come dimostra l’ultimo esito elettorale».

 

Magno affonda il colpo anche contro il coordinamento regionale “silente” in un momento nevralgico in cui tutti attendono la riorganizzazione che dovrebbe partire, a tutti i livelli, dopo la nomina di Tajani vice di Berlusconi.

«Personalmente – aggiunge Magno – non mi meraviglio più di tanto del decisionismo di Mimmo Tallini, ma del silenzio assordante degli Onorevoli Santelli e Occhiuto, rispettivamente coordinatrice e vice coordinatore regionale, ai quali ho più volte manifestato il mio disappunto sulla conduzione del partito nella provincia di Catanzaro e sulle scelte effettuate per la città di Lamezia Terme. Tutto ciò avviene proprio nel momento in cui il presidente Berlusconi nomina quale suo vice l’amico Antonio Tajani, con l’obiettivo di arrestare la fuoriuscita di tanti iscritti e la perdita di consenso elettorale allo scopo di dare un preciso segnale di rinnovamento e di riorganizzare il partito. Per tali ragioni, nel pieno rispetto di tutti gli iscritti che si sono autosospesi dal partito, rinuncio al ruolo di vice coordinatore provinciale di Forza Italia, incarico svolto con entusiasmo, passione e spirito di condivisione verso i cittadini ed i tesserati». Ma la resa dei conti in casa azzurri è appena cominciata.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: