Occhiuto incontra Carfagna, incontro riservato per discutere dell'avvicinamento a Renzi

Fase di grande confusione nel centrodestra con lo scontro aperto tra Berlusconi e la vicepresidente della Camera al quale si aggiungono le perplessità di Giorgia Meloni. Il coordinamento regionale che sa di avere poche possibilità di candidare il sindaco di Cosenza studia l'exit strategy ma offre a Salvini la definitiva arma per cambiare il candidato calabrese

di Riccardo Tripepi
19 ottobre 2019
10:12
125 condivisioni

Nervi assai tesi all’interno dello schieramento di centrodestra. La manifestazione di piazza fortemente voluta da Matteo Salvini per dare una prova di forza contro il governo Conte alla vigilia delle regionali in Umbria, ha messo allo scoperto tutte le contraddizioni interne.

All’interno di Forza Italia è emersa in tutta la sua evidenza lo scontro tra Silvio Berlusconi e l’area più moderata del suo partito legata a Mara Carfagna, mentre Giorgia Meloni ha avuto parecchio da ridire sull’utilizzo dei simboli della Lega anche sul palco di San Giovanni che, a suo dire, non favoriscono certo l’unità della coalizione.

 

Ma a tenere banco dentro il partito degli azzurri, anche in Calabria, sono le evoluzioni politiche di Mara Carfagna, che è sempre stata la sponda nazionale per il gruppo dei parlamentari calabresi e dei fratelli Occhiuto in particolare. La vicepresidente della Camera nel prendere le distanze dalla manifestazione di piazza del centrodestra oltre a ricevere il duro rimbrotto del Cavaliere, ha ricevuto attestati di stima sia da Maria Elena Boschi che da Matteo Renzi verso i quali viene data in avvicinamento.

Tanto che più di qualcuno aveva annunciato la presenza dell’azzurra alla Leopolda in corso a Firenze. Una voce che Renzi si è preoccupato di dover smentire. «Ho molta stima di Mara Carfagna, penso sia normale che una donna come lei e tanti altri parlamentari di Fi non sopportino di vedere un partito europeista come il loro scendere in piazza con Forza Nuova e Casapound. Ma mai mi permetterei di tirare per la giacchetta la vicepresidente della Camera. Che possano vedere in futuro un riferimento in Italia Viva è nell’ordine delle cose, ma non è all'ordine del giorno. Non verrà alla Leopolda».

 

Una smentita che sa tanto di accordo già raggiunto. Ma a tenere sulla corda i forzisti di Calabria c’è anche un’altra notizia proveniente dalla Capitale. Nella serata di venerdì Roberto Occhiuto ha avuto un incontro riservato proprio con Mara Carfagna per discutere delle possibili evoluzioni dell’attuale scenario politico, comprese quelle che descrivono uno spostamento verso il gruppo di Renzi dei fedelissimi della pasionaria azzurra. Niente di deciso in maniera ufficiale, ma un’ipotesi di lavoro assai concreta se le aspirazioni del gruppo non dovessero più trovare accoglienza all’interno del partito di appartenenza.

Si tratta ovviamente di sommovimenti che potrebbero portare ulteriori difficoltà al partito calabrese che, per questa via, sceglierebbe deliberatamente di allargare il fronte di scontro con la Lega dopo il rifiuto, reiterato, espresso da Matteo Salvini e Ivan Invernizzi sulla candidatura di Mario Occhiuto in vista delle prossime regionali.

 

Ovviamente una decisione del genere sarebbe presa dal gruppo dirigente calabrese un istante dopo la chiusura definitiva delle possibilità di Mario Occhiuto e lascerebbe con un palmo di naso tutti coloro che fin qui hanno lavorato a un progetto di centrodestra unito.

Muovendosi, però, due tavoli Jole Santelli e i fratelli Occhiuto rischiano di rimanere con il cerino in mano. Il gioco sotterraneo con il gruppo della Carfagna non fa altro che rafforzare le convinzioni di Salvini e offrono al leader della Lega ancora un’altra arma per chiedere a Silvio Berlusconi un nome nuovo per le regionali calabresi (Sergio Abramo ad esempio) che rappresenti al meglio la coalizione di centrodestra e anche l’anima della Forza Italia che non si riconosce nella gestione dell’attuale coordinamento regionale.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio