Crisi di governo vista dalla Calabria: intesa Pd-M5s azzoppa Oliverio

Dopo l'apertura di Renzi alla possibile alleanza con i grillini, tra i primi a esultare è il senatore Ernesto Magorno tra i principali oppositori del presidente della giunta regionale

di Riccardo Tripepi
martedì 20 agosto 2019
17:41
34 condivisioni

Finisce il governo Conte. Almeno il primo governo Conte. Il premier è stato chiarissimo fin dalle sue prime parole al Senato annunciando la sua volontà di interrompere l’azione dell’esecutivo fin qui guidato e di rimettere il mandato nelle mani del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Le parole del ministro dell’Interno Matteo Salvini, subito dopo il discorso del presidente del Consiglio, hanno ulteriormente sancito la rottura tra gli alleati che, al massimo, per come ha detto il leader della Lega potrebbero proseguire per un piccolo tratto insieme. Soltanto per approvare il taglio dei parlamentari e approntare una manovra economica. Il voto per la Lega rimane lo scenario principe, anche per incassare il massimo consenso fin qui a disposizione.

 

La versione dei due Matteo

In realtà il sentiero più gettonato lo hanno indicato i due Mattei che hanno parlato uno dopo l’altro. Il primo, Salvini, ha ammonito l’alleato sulla possibilità di inciuciare con il Pd «se c’è già un accordo con un altro partito, lo si spieghi subito agli italiani». Il secondo Renzi che ha liquidato la decisione di Salvini di interrompere il governo come «un colpo di sole da Papete», ha detto chiaramente che il suo gruppo valuterà con attenzione le scelte future nel rispetto delle Istituzioni. «Se voteremo insieme un nuovo governo – ha detto a Conte – io non ne farò parte».

 

Governo M5s-Pd più vicino

La possibilità di un nuovo esecutivo Cinque Stelle-Pd parrebbe essere più di una possibilità. Almeno per il Pd targato Renzi, ma anche quello di Zingaretti secondo gli ultimi rumors. Il che metterebbe ancora più nei guai il governatore Mario Oliverio, già bocciato dalla direzione nazionale del suo partito che vuole un candidato di superamento.

Dopo le parole di Matteo Renzi, tra i primi a sostenere la decisione dell’ex premier, proprio un calabrese. E cioè il senatore Ernesto Magorno, segretario regionale uscente del partito. «Finisce #ilgovernodelcambiamento, un governo che ha vissuto di tanti slogan e pochi fatti, un governo che ha fatto perdere credibilità all'Italia. Ora bisogna andare evitando l'aumento dell'#IVA. In aula al Senato un grande intervento di Matteo #Renzi ha indicato la via maestra».

 

Gli effetti in Calabria

Le posizioni di Ernesto Magorno sulla ricandidatura di Mario Oliverio sono note da lungo tempo. Il senatore ha bocciato senza appello il governo regionale e si è autosospeso dal partito dopo l’esplodere delle ultime inchieste giudiziarie. Magorno ha poi chiesto decisioni immediate sul futuro anche in vista delle regionali e fatto trapelare ai suoi che non prenderà parte a futuri incontri per le elezioni senza che sia arrivata dal Pd nazionale una decisione definitiva di discontinuità e rinnovamento.

Ma un eventuale accordo Cinque Stelle-Pd in chiave nazionale, volto a formare un governo per gestire l’attuale e delicata fase potrebbe avere un risvolto futuro per provare a fronteggiare il crescente fronte sovranista Lega-Fdi. Un accordo che se dovesse avere anche il sigillo di Zingaretti potrebbe avere i suoi effetti anche a livello regionale.

Del resto, appena qualche settimana fa, i vertici Cinque Stelle avevano annunciato la decisione di non correre più con una sola lista senza apparentamenti i prossimi appuntamenti elettorali.

Uno scenario del genere potrebbe aprire nuove possibilità ad un centrosinistra ormai considerato in Calabria agnello sacrificale in vista delle prossime regionali. Chiaramente anche questa possibilità, però, imporrebbe una candidatura di superamento rispetto all’uscente Oliverio, inviso ai Cinque Stelle, oltre che al suo stesso partito.

Riccardo Tripepi

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream