Docente sospesa a Palermo, Orrico (M5s): «Modalità da editto bulgaro»

La parlamentare cosentina sul caso della professoressa Dell’Aria e sul video degli studenti su Salvini: «Sta subendo una ingiustizia. La libertà di espressione è fondamentale per la salute della democrazia»

di Salvatore Bruno
domenica 19 maggio 2019
16:42
18 condivisioni

«Voglio esprimere la mia solidarietà alla professoressa Rosa Maria Dell’Aria: sta subendo una ingiustizia perché gli studenti, e gli stessi insegnanti, devono essere liberi di esprimere le proprie opinioni anche se manifestano dissenso nei confronti delle scelte assunte dalla classe politica». Lo ha detto la deputata pentastellata Anna Laura Orrico, intervenendo ad una manifestazione elettorale organizzata a Rende per le amministrative. La docente è stata sospesa a seguito di un video su Salvini realizzato dagli alunni nel quale si accostavano alcuni provvedimenti del Decreto sicurezza alle leggi razziali.

Importante stimolare il confronto

«Bisogna riappropriarsi del dissenso, del dibattito e del confronto in questo Paese – ha aggiunto – E’ necessario ritornare ai toni pacati e dire basta alle modalità da editto bulgaro con cui la professoressa è stata sospesa, perché i suoi studenti nel giorno della memoria hanno osato esprimere la propria opinione paragonando le leggi razziali al decreto sicurezza. Credo che la classe politica debba farsi un esame di coscienza ed essere grata a giovani e insegnanti che stimolano il confronto, il dissenso, la diversità di opinione. La salute della democrazia dipende anche dalla libertà di espressione, da esercitare comunque con rispetto e senza alcuna forma di violenza»

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream