Data delle regionali, la strategia di Oliverio per trattare la resa col Pd

Primarie istituzionali e fissazione del giorno per il ritorno alle urne sono le carte che il governatore ha in mano per provare ad avere una buonauscita dai democrat. Renzi nel frattempo non esclude la nascita di un nuovo partito che pescherebbe a mani piene in Calabria

di Riccardo Tripepi
31 agosto 2019
10:58
71 condivisioni

Sempre più intricata la strada che porta alle prossime regionali. La crisi di governo e la nascita del Conte bis hanno praticamente azzerato trattative e alleanze e riportato tutti ai blocchi di partenza.

Lo dimostra la condotta di Mario Oliverio che, messo da parte dai vertici dal suo partito e in difficoltà dalle inchieste giudiziarie, non sa più che pesci prendere. Dopo avere brandito come una clava l’arma delle primarie istituzionali per imporre una sua candidatura, Pd o non Pd, adesso sembrerebbe averle messe da parte. Stesso discorso per la data delle regionali. Il presidente della giunta che aveva fatto chiedere un parere all’Avvocatura regionale per avere lumi sulle varie possibilità, aveva tutta l’intenzione di tirarle per lunghe il più possibile e cioè fino alla fine di gennaio (il 26) o addirittura ai primi di febbraio (il 9), a seconda delle varie interpretazioni.

 

Adesso Oliverio ha assunto il riserbo più assoluto sulla questione e usa le sue possibilità per trattare al meglio le condizioni di una resa che sembra inevitabile. Né in giunta, né in Consiglio si sa più nulla della vicenda, con crescenti malumori da parte delle varie fazioni.

Del resto la data delle elezioni è un tema caro anche al centrodestra calabrese, ancora lontanissimo dall’accordo su candidato e coalizione, e ai consiglieri regionali che vorrebbero lasciare palazzo Campanella il più presto possibile.

 

L’unico dato certo, al momento, è che la prima data utile sarebbe il 24 novembre e il presidente dovrebbe firmare il decreto di indizione delle elezioni entro il 20 settembre. Le prossime giornate saranno dunque fondamentali per decidere il da farsi.

Ovviamente Oliverio userà il suo potere per garantirsi l’appoggio del centrodestra in Consiglio, non avendo più i numeri la sua maggioranza, e poi per trattare con il Pd le condizioni di una sua eventuale rinuncia. Tra le possibili contropartite: la possibilità di avere un peso determinante sulla scelta del futuro candidato governatore e qualche ricompensa in sede di governo nazionale con una poltrona da sottosegretario per il suo gruppo.

 

Nell’attesa le correnti del Pd si muovono e studiano l’orizzonte. Non è passata inosservata l’intervista di Matteo Renzi che, dopo avere rivendicato i meriti per la nascita del Conte bis, non ha escluso la nascita di un nuovo partito. Ipotesi che in Calabria non verrebbe assolutamente malvista dai fedelissimi dell’ex premier come Ernesto Magorno, Stefania Covello e Gianluca Cuda. E che potrebbe pescare bene anche a Reggio Calabria dove Nicola Irto, Mimmetto Battaglia e lo stesso Nino Castorina si mantengono in posizioni piuttosto autonome anche in vista delle future elezioni comunali in riva allo Stretto. Irto e Battaglia sono stati renziani della prima ora, mentre Castorina ha sostenuto alle ultime primarie la mozione Giachetti che parrebbe essere molto interessato alle mosse dell'ex sindaco di Firenze.

 

Riccardo Tripepi

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream