Provincia di Cosenza, per Di Natale ormai è «Una battaglia di civiltà»

Il consigliere anziano dell’Ente intermedio commenta l’ultima sentenza del Tar che annulla le elezioni già fissate dal sindaco Mario Occhiuto per il 23 ottobre, mentre proprio il primo cittadino confida ancora nel Consiglio di Stato

di Redazione
16 settembre 2016
17:46
Condividi

Ennesima sentenza del Tar, ennesima conferenza stampa indetta dal consigliere provinciale Graziano Di Natale. Questa volta la sentenza si pronuncia sul ricorso fatto a nome del consigliere comunale Marsico che, insieme ad un gruppo più nutrito di consiglieri, chiede l'annullamento delle elezioni fissate per il 23 ottobre da Mario Occhiuto.

 

La data era stata decisa non a caso; proprio in quel periodo decadranno le cariche dei consiglieri provinciali le cui funzioni durano due anni. Erano stati eletti infatti il 13 ottobre del 2014 e secondo Occhiuto quindi, riferendosi alla legge 56 del 2014, il corpo elettorale sarà costituito da sindaci e consiglieri, in carica alla data del 23 ottobre.

 

Il consigliere Di Natale è di altro parere perché da qualche mese rivendica la titolarità a presidente del consiglio in qualità di consigliere anziano dichiarando, con tanto di leggi e ricorsi al Tar, che Mario Occhiuto è decaduto dalla carica di Presidente della Provincia di Cosenza quando è decaduto anche come sindaco della città.

 

Di Natale, accompagnato dall'avvocato Enrico Morcavallo che ha illustrato tecnicamente la sentenza del Tribunale Amministrativo, ha tenuto a precisare che questa che si sta configuando come una battaglia non è per conquistare una poltrona bensì  per ripristinare la legalità e la nota con cui Occhiuto avrebbe indetto le elezioni, l'unico decreto adottato da Presidente della Provincia, oltre ad essere un atto senza alcuna valenza giuridica, perché proveniente da soggetto che non ha requisiti per farlo, rappresenta anche un reato denunciato alla magistratura competente.

 

Anzi i reati sarebbero due, aggiunge l'avvocato Morcavallo, quello di abuso d'ufficio e quello di mancata osservazione dolosa del provvedimento di un giudice. Insomma per come scritto sulla sentenza “la norma dello statuto deve essere disapplicata. Al verificarsi del fatto delle dimissioi contestuali della maggioranza dei consiglieri comunali si verifica l'effetto della decadenza del sindaco e del presidente della provincia”.

 

Carlo Guccione: «Occhiuto presidente abusivo»

 

Intanto Mario Occhiuto prende atto della sentenza, pur non condividendo l'apparato logico giuridico, e dichiara di impugnarla davanti il Consiglio di Stato.

 

«La sentenza, tuttavia - ha detto il sindaco di Cosenza -, non ha l'effetto di individuare un mio eventuale sostituto, né tantomeno ne indica alcuno e pertanto rimane, comunque, in carica il vicepresidente Lino Di Nardo. Pertanto se il Consiglio di Stato confermerà la sentenza del Tribunale amministrativo regionale, sarà mia cura trarne le conseguenze. Resta il fatto che la legge Delrio di riforma delle Province dimostra tutte le sue lacune, motivo per cui l'interpretazione risulta poco chiara sotto diversi aspetti».

 

Fiorenza Gonzales

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio