Cosenza, Bianca Rende passa con Renzi e aderisce a Italia Viva

Svolta renziana per la consigliera comunale che tra i banchi di Palazzo dei Bruzi passa dal Pd al Gruppo Misto

di Salvatore Bruno
23 settembre 2019
07:24
2247 condivisioni
Bianca Rende
Bianca Rende

«L’attuale composizione dei partiti non basta più. La cultura sovranista e xenofoba di cui è portatore il leader leghista si è insinuata nel ventre vivo della società più di quanto si pensi, come sempre più spesso dimostrano gli episodi di intolleranza e individualismo rabbioso. E’ arrivato il tempo di allargare il campo, non solo del centrosinistra, ma delle forze progressiste, europeiste, solidaristiche e ambientaliste. Il campo delle forze che difendono, prima di ogni altro tema, quello dei Diritti e delle Opportunità, per le famiglie e le imprese, che guardano con attenzione ad un ceto medio sempre più tartassato. Un campo di forze che conquisti spazi di egemonia culturale sia in un contesto maggioritario sia, come appare in queste ore, si vada verso un suo ripensamento. Per questo ho aderito a Italia Viva». Così Bianca Rende, consigliere comunale di Cosenza, nel comunicare di aver sposato il nuovo progetto politico di Matteo Renzi.

Campo aperto ed inclusivo

«L’intuizione di Renzi di fondare un movimento più centrista capace di (r)accogliere un elettorato ondivago e sofferente, perché privo di una casa politica di riferimento – spiega Bianca Rende - è per me un progetto condivisibile e da sostenere convintamente, rappresentando la possibilità concreta, finalmente, di costruire un campo più aperto e inclusivo. Un campo di azione politica che abbandoni e vada decisamente oltre i litigi e il correntismo che, più di altri fattori, hanno contribuito a soffocare le aspirazioni di riunire le due grandi tradizioni politiche: quella cattolica e quella riformista in un unico partito. Già la storia politica italiana, con la parabola dell’Ulivo avrebbe dovuto insegnare che non c’è amalgama nello stesso partito tra ex comunisti ed ex cattolici democratici, mentre è sempre apparso più realistico un patto costituzionale, come quello tra De Gasperi e Togliatti».

Bisogna osare di più

«Oggi nel Pd – aggiunge la consigliera comunale - si respira ancora un’aria di rassegnazione e sopportazione della convivenza coi cattolici democratici e liste civiche del ceto medio e piccola borghesia, come accade del resto in Calabria, con la dissoluzione del tavolo del centrosinistra e la minacciata nascita delle liste Oliverio Presidente. Non bastano infatti le cooptazioni che si preferisce praticare per acquisire singoli alleati di comodo più subalterni e trasformisti o più poveri d’identità. Restano poco rappresentativi del moderatismo politico che continua a mancare per governare e aiutare a sopravvivere l’Italia migliore. Invece, senza fissare né rinnegare le attuali convergenze, si può e si deve osare di più aprendosi a un elettorato deluso dalle facili promesse e dalle tentazioni filosovietiche e antieuropee, cosparse di populismo e neonazionalismo che soffocano il ruolo e le chances dell’Italia unita e delle sue autonomie funzionali e istituzionali».

Il passaggio al Gruppo Misto

«Accogliendo, per questo, l’appello di Renzi a riforme e rinnovamenti di protagonisti postideologici, in un contesto innovativo e femminista – conclude l’amministratrice di Palazzo dei Bruzi - comunico la mia adesione al suo Movimento e l’uscita dall’attuale Pd calabrese dove, personalmente, ho potuto e dovuto costatare le difficoltà a rinnovarsi nei metodi e nei soggetti fossilizzati in ruoli di apparati poveri e timorosi di modernità, con cui è compatibile restare alleati ma autonomi. Augurando alla mia amata città di tornare a essere l’avanguardia della politica in tutta la Calabria, dopo avere sentito tanti amici che mi hanno onorato della loro fiducia e sperando di aver dato un contributo utile, in termini di proposte e battaglie politiche, tra le fila del gruppo Pd in Consiglio comunale, scelgo l’autonomia del gruppo misto, dal quale manterrò una posizione di opposizione puntuale e coerente, per come fatto, credo, finora».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream