Convention di Toti, i dissidenti legati ai fratelli Gentile saranno in prima fila

Caduti nel vuoto gli ultimi appelli al governatore della Liguria per rinunciare alla manifestazione, il rischio scissione azzurra è sempre più alto. In Calabria c’è chi ci crede e si organizza per esserci

di Riccardo Tripepi
4 luglio 2019
16:09
61 condivisioni

La attenzioni del centrodestra e di Forza Italia, a questo punto, sono tutte rivolte al teatro Brancaccio di Roma dove il governatore della Liguria Giovanni Toti terrà la sua convention il prossimo 6 luglio.

Lega e FdI tifano Toti

Proprio in queste ore Silvio Berlusconi, a palazzo Grazioli, sta facendo il punto della situazione con Mara Carfagna e gli altri coordinatori regionali, ma la sensazione è che Toti proseguirà dritto per la sua strada arrivando alla rottura e alla scissione da Forza Italia.
Così come si auspicano Matteo Salvini e Giorgia Meloni che vogliono una terza gamba moderata senza Berlusconi a sostenere la cavalcata di Lega e Fratelli d’Italia.

Dalla Calabria i pullman dei Gentile

Anche in Calabria la fibrillazione è massima. Il gruppo dei dissidenti legato ai fratelli Pino e Tonino Gentile ha ormai rotto gli indugi e sta allestendo anche dei pullman per dare un preciso segnale di presenza. In particolare è l’ex senatore Piero Aiello che sta invitando personalmente tutti i referenti d’area a prendere parte alla manifestazione. Sicuramente con i Gentile e Aiello dovrebbero essere presenti anche Baldo Esposito, Nazzareno Salerno e Alfonsino Grillo e i referenti istituzionali di “Calabria da Vivere”.

Chi ha declinato l'invito

Molti altri hanno declinato l’invito pur guardando con attenzione alle evoluzione romane. Salvatore Pacenza a Roma, Gianpaolo Chiappetta a Cosenza, così come gli uomini che si riconoscono in Nino Foti a Reggio Calabria non saranno nella Capitale, ma aspettano di capire quale sarà l’evoluzione interna ad un partito, ormai sull’orlo dell’implosione.

L'attesa di Santelli e Occhiuto

Per motivi diversi guardano a Roma anche la coordinatrice regionale Jole Santelli insieme ai fratelli Occhiuto che dopo l’inasprirsi degli scontri con il cerchio magico di Berlusconi, hanno esultato per la nomina di Mara Carfagna e per l’annunciata riorganizzazione del partito. Se però Toti dovesse tenere duro si potrebbero innescare dinamiche interne tali da annullare quanto fatto fin qui.

È evidente, però, che se dovesse davvero realizzarsi un’alleanza tra Lega, Fdi e “Italia in crescita” di Toti, con una Forza Italia agonizzante, potrebbero considerarsi definitivamente evaporate le residue possibilità per Mario Occhiuto di essere il candidato governatore del centrodestra.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista

Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politi...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio