Consiglio, ok al Bilancio per il 2018. Ritirata la proposta di costituire l'Azienda sanitara unica

Manovra ingessata e occupata per il 60% dalle spese per la sanità. Solo 780 milioni di risorse libere. Viscomi: «Potrebbero diminuire se non si trova una soluzione per le tariffe su acqua a rifiuti»

di Riccardo Tripepi
19 dicembre 2017
19:14
Condividi

Dopo l’inversione dell’ordine del giorno che ha spostato l’informativa sulla sanità di Oliverio dopo la discussione sul bilancio, il Consiglio ha cominciato l’esame dei documenti contabili all’ordine del giorno, sui quali ha relazionato il presidente della Commissione competente Giuseppe Aieta.

 

Greco attacca sui debiti fuori bilancio

Ma non è cambiata la musica rispetto all’inizio: la maggioranza ha continuato a traballare. E per quanto Aieta e l’assessore Viscomi abbiano difeso l’operato del governo e la struttura del bilancio consolidato, la maggioranza ha continuato a traballare. Stavolta per mano di Orlandino Greco. Il consigliere della Oliverio presidente ha fortemente criticato l’inserimento nella manovra di debiti fuori bilancio senza alcun filtro: «Avevo già detto che non avrei più votato debiti fuori bilancio in Consiglio. E’ vero che la legge ce lo consente, ma non lo impone. La Regione negli ultimi anni ha approvato oltre 4 milioni di debiti fuori bilancio: anche l’acquisto di una rivista sul bergamotto è diventato debito fuori bilancio». Anche se, alla fine, Greco ha poi votato a favore all’approvazione dei debiti «soltanto per senso di responsabilità».

La relazione vera e propria sulla manovra finanziaria è toccata naturalmente al vicepresidente della giunta e assessore al Bilancio Antonio Viscomi.In particolare la manovra per il 2018 vale circa 6 miliardi di euro, al netto delle contabilità speciali, delle anticipazioni di liquidità e delle anticipazioni di cassa. Il 60,6%del Bilancio, pari a 3.641,79 milioni di euro sarà destinato alla Sanità. Le risorse per investimenti, provenienti dai Por e dai Fas rappresentano il 18% del bilancio. Le entrate libere da vincoli da destinare a finalità autonomamente stabilite dalla Regione ammontano, invece, a circa 780 milioni di euro, pari al 13% delle risorse attualmente iscritte al Bilancio.Ed anche su queste ci sarebbero non pochi problemi per come spiegato da Viscomi. «All’interno delle risorse libere – ha spiegato Viscomi - 124 milioni e 500 mila euro sono bloccati in quanto risorse per oneri non ripartiti derivanti da varie cause: accantonamenti necessari, incertezza sulle entrate, pignoramenti, svalutazione, situazioni giudiziarie pendenti, ed altro».

Viscomi: Serve un nuovo patto con le Amministrazioni

Altre criticità deriverebbero poi dalla difficoltà di regolarizzare le entrate derivanti dai tributi e soprattutto quelle relative alla riscossione delle tariffe sui rifiuti e sull’acqua. Le rateizzazioni avviate da diversi Comuni non starebbero dando i risultati sperati e Viscomi ha sottolineato come servirebbe un nuovo patto di lealtà istituzionale fra le Amministrazioni. «Se si continueranno ad avere difficoltà nella riscossione dei tariffe su rifiuti e acqua nei prossimi anni le risorse libere continueranno a diminuire». Il vicepresidente ha poi rivendicato gli ulteriori tagli ai costi della politica «che negli ultimi anni sono scesi di 50 milioni di euro all’anno».

Corsi e ricorsi. Come dieci anni fa emendamento per l'Azienda sanitaria unica

Tra gli emendamenti più significati al collegato alla manovra finanziaria, quello targato Michele Mirabello, presidente della Commissione Sanità, che mira ad istituire l’Azienda sanitaria unica regionale. «La giunta dovrà approfondire la possibilità di realizzare questo obiettivo, ma oggi approviamo un atto di indirizzo politico molto importante».

 

Il governatore Oliverio, però, pur apprezzando l’idea di riorganizzazione del sistema sanitario prevista dall’emendamento «attraverso una azienda sanitaria unica e 5 aziende ospedaliere», ne ha chiesto il ritiro non solo per un approfondimento ma perché sulla riorganizzazione «è necessario un coinvolgimento di tutti i soggetti interessati e gli operatori sanitari».

 

Abbastanza per scatenare l’opposizione di centrodestra che tramite Gallo e Orsomarso ha apprezzato il ritiro dell’emendamento, ma fortemente criticato l’impostazione accentratrice. «Già dieci anni fa – ha ricordato Gallo – si è provato a fare una cosa simile con risultati disastrosi. La proposta di Mirabello sarebbe devastante per la sanità calabrese». Il solito Guccione ha poi rilevato: «esiste già una proposta di legge che prevede l’Azienda unica da due anni e solo adesso scoprite che si devono sentire gli operatori?». Un paio di ore di dibattito, tuttavia, sono state sufficienti per approvare, a maggioranza e con la bocciatura di quasi la totalità degli emendamenti, la manovra per il 2018 e il relativo collegato.

 

Riccardo Tripepi

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Riccardo Tripepi
Giornalista
Riccardo Tripepi, avvocato del foro di Reggio Calabria e giornalista pubblicista, collabora da oltre venti anni con periodici e quotidiani, locali e nazionali, occupandosi prevalentemente di politica regionale, cronaca sindacale e dei principali eventi calabresi. Dal 2007, da giornalista accreditato, racconta la cronaca istituzionale del Consiglio Regionale della Calabria e delle Commissioni Consiliari. Tra i principali organi di informazione con i quali ha collaborato: L’Altra Reggio, Nuovo Giangurgolo, Il Domani della Calabria, Calabria Ora, l’Ora della Calabria, l’Avvenire, il Garantista, Radio Studio Uno, Radio Touring e Sud Tv. Attualmente è editorialista politico presso “Cronache delle Calabrie”, quotidiano a diffusione regionale diretto da Paolo Guzzanti; collabora con Il Dubbio, quotidiano a diffusione nazionale diretto da Piero Sansonetti, il sito internet Zoomsud diretto da Aldo Varano, e il portale del Consiglio regionale della Calabria “Calabria on Web” diretto da Romano Pitaro. E’ direttore responsabile della rivista bimestrale “Medinbus” diffusa sulle linee nazionali dei pullman della ditta Federico.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio