Iacucci (Pd) a Belvedere: «Sogniamo un'Europa meno razzista»

VIDEO | L'esponente del Partito democratico ha raccontato di aver ricevuto la chiamata direttamente del segretario Nicola Zingaretti

di Francesca  Lagatta
sabato 18 maggio 2019
16:46
Condividi
Franco Iacucci
Franco Iacucci

La campagna elettorale per le elezioni europee è ormai agli sgoccioli e ieri il presidente della Provincia di Cosenza Franco Iacucci ha tenuto una conferenza nella sala congressi dell'hotel Belvedere, sito nell'omonima cittadina altotirrenica, per spiegare la sua visione di Europa. «Negli ultimi tempi - ha detto l'esponente del Partito democratico - si è dato più peso alle politiche monetarie che alle reali esigenze dei cittadini e questo non può più essere tollerato». Poi ha continuato: «L'Europa ha bisogno di rinnovarsi, di essere più vicina alle persone che alle banche. Mi sono candidato perché sogno un'Europa più accogliente e meno razzista». All'evento hanno partecipato anche Ugo Massimilla, segretario del circolo Pd di Belvedere Marittimo, Luigi Guglielmelli, segretario provinciale del Pd, e il senatore Ernesto Magorno, che fino a qualche tempo fa ha ricoperto il ruolo di segretario regionale del partito.

«Finalmente tutti nella stessa direzione»

Nel suo breve, ma incisivo intervento, Iacucci ha trovato tempo e modo per fare mea culpa: «In due anni il Pd ha perso più del 20% in termini di preferenza. Forse avevamo smarrito gli obiettivi e ci siamo mostrati troppo lontani dagli elettori. Siamo noi ad aver sbagliato, perché la gente è attenta e percepisce ogni cosa. Fortunatamente oggi avverto un debole ma significativo nuovo interesse nei nostri confronti, che ci dà la forza di continuare su questa strada, ma noi dobbiamo rimanere uniti e riconquistare la loro fiducia». Dello stesso parere è Ugo Massimilla, che in apertura del convegno tocca note dolenti: «Finalmente siamo tutti qui, a guardare nella stessa direzione. È così che dobbiamo proseguire». Il riferimento è a un recente episodio che aveva visto contrapposti Guglielmelli e Magorno nella campagna elettorale belvederese, in cui inizialmente sembravano aver intrapreso percorsi politici differenti. Poi erano seguite le scuse e il passo indietro di entrambi per il bene del partito. Così ieri, erano tutti insieme a sostenere il compagno di partito Franco Iacucci, con una ritrovata armonia.

La chiamata di Zingaretti

«Anche se non avessi voluto - ha scherzato l'ex sindaco di Aiello Calabro - mi sarei dovuto candidare comunque». E ne spiega il motivo: «Non ho deciso io di concorrere alle elezioni europee, è stato il neo segretario Nicola Zingaretti a volerlo. Un giorno mi ha chiamato e mi detto che ero candidato, punto. Devo dire che sono profondamente onorato che abbia scelto me per rappresentare il partito in Europa, lo ringrazio per tanta stima».

Di seguito, le interviste a Franco Iacucci, Luigi Guglielmelli ed Ernesto Magorno. 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: