Autobomba a Limbadi, restano in carcere i quattro indagati

Il gip distrettuale di Catanzaro ha accolto la richiesta della Dda. Nuova ordinanza in carcere per i Mancuso-Di Grillo accusati dell’omicidio di Matteo Vinci e del ferimento del padre Francesco

di G. B.
18 luglio 2018
18:50
14 condivisioni

Il gip distrettuale di Catanzaro ha emesso un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di quattro indagati finiti nell’inchiesta “Demetra” della Dda che mira a far luce sull’autobomba di Limbadi costata la vita a Matteo Vinci. Dopo la mancata convalida dei fermi avvenuta il 29 giugno scorso ad opera del gip del Tribunale di Vibo, Gabriella Lupoli, e la contestuale emissione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, il giudice aveva restituito gli atti alla Dda di Catanzaro dichiarando la propria incompetenza funzionale, attesa la contestazione agli indagati delle aggravanti mafiose.

 

 Da qui una nuova richiesta della Dda di Catanzaro avanzata al competente gip distrettuale antimafia che ha ora emesso la nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere che ha raggiunto: Rosaria Mancuso, 63 anni, il marito Domenico Di Grillo, 71 anni, Lucia Di Grillo, 29 anni  (figlia di Rosaria Mancuso) ed il marito Vito Barbara, 28 anni, tutti di Limbadi (tutti assistiti dall'avvocato Giuseppe Di Renzo). Sono tutti accusati di concorso nell’omicidio aggravato dalle modalità mafiose di Matteo Vinci e del tentato omicidio del padre Francesco Vinci, nell’occasione (9 aprile scorso) rimasto gravemente ferito a seguito dello scoppio di un’autobomba. Ordinanza di custodia cautelare in carcere pure in relazione ad altro tentato omicidio del solo Francesco Vinci (pestato brutalmente nell’ottobre 2017) e la detenzione di diverse armi da fuoco.

Il gip del Tribunale di Vibo nel suo provvedimento aveva parlato di esigenze cautelari di eccezionale rilevanza con i quattro indagati descritti come “privi di capacità raziocinanti, disprezzanti delle più elementari norme di civile convivenza, dotati di inaudita spietatezza, disumanità, crudeltà d’animo, di una non comune capacità pianificatoria e strategica, oltre che di un’ostinata ed inflessibile determinazione nel portare a termine i loro progetti di morte e l’accaparramento dei terreni dei Vinci”. Pericolo di reiterazione dei reati, quindi, condiviso ora anche dal gip distrettuale di Catanzaro che ha emesso la nuova ordinanza di custodia cautelare in carcere.

 

Leggi anche: Autobomba a Limbadi, per i Mancuso-Di Grillo anche Rosaria Scarpulla doveva morire

G. B.
Giornalista

Giuseppe Baglivo è stato collaboratore del quotidiano Calabria Ora dal settembre 2006 ad agosto 2007.


Redattore e responsabile della cronaca giudiziaria del quotidiano Calabria...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio