Lucano, la crocifissione di un innocente. Il fuorilegge davanti ad una legge ingiusta

La menzione su “Fortune”, l’inizio della fine, in una terra in cui l’essere migliore di altri diventa una colpa che si persegue senza alcuna pietà. L’esultanza di un Paese razzista e fascista che non merita Riace

di Pietro Comito
martedì 2 ottobre 2018
11:15
595 condivisioni
Il sindaco di Riace Mimmo Lucano
Il sindaco di Riace Mimmo Lucano

Mimmo Lucano - il sindaco di Riace, il simbolo dell’accoglienza - è un sedicente «fuorilegge». Egli ammette di avere infranto delle «leggi balorde» con uno scopo: aiutare il prossimo a sottrarsi ad un ritorno nel paese d’origine, alla fame, alla violenza, alla tratta sessuale.

«Fuorilegge contro leggi balorde»

Le leggi degli uomini - quelle che, non solo secondo Lucano, sono appunto «balorde», perché spesso lasciano assassini, stupratori e mafiosi in libertà e mettono ai ferri chi si sporca la mani per un mondo migliore - forse lo condanneranno. O forse no. Forse, tra qualche anno, lo vedremo seduto dinanzi ad Alberto Matano, ad “Innocenti”. Forse sarà lui l’Enzo Tortora delle nuove generazioni. Forse chi oggi lo crocifigge – usando le leggi, la tastiera, l’odio politico – un giorno farà come l’ex pm Diego Marmo, quello che in uno dei (tanti, troppi) processi più surreali e dolorosi della storia giudiziaria italiana definì Tortora «un cinico mercante di morte», lo stesso ex pm bocciato dalla storia che finì col chiedere scusa alla famiglia.

“Fortune”, l’inizio della fine

François de La Rochefoucauld sosteneva che «vi sono crimini che diventano innocenti, e perfino gloriosi, a causa del loro splendore». E allora se splende solo ciò che è nobile, Lucano è innocente. Con buona pace di Salvini, della Giustizia ingiusta, dei razzisti, dei puristi, dei leoni da tastiera. Certo, bisogna domandarsi perché, adesso, tutto questo. Quella menzione sulla rivista “Fortune”, che indicò il primo cittadino di Riace tra le persone più influenti al mondo, fu per lui l’inizio della fine. Sarà una coincidenza, ma qui il successo te fanno pagare, senza pietà. Prima le ispezioni sul sistema di accoglienza a Riace: «irregolarità». Poi un avviso di garanzia: un’indagine che fa emergere, a conti fatti, che Lucano e i suoi uffici sono un po’ arruffoni, senza però essersi arricchiti.

Un Paese indegno di Riace

Oggi Lucano non viene arrestato per questo, ma per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e per l’affidamento del servizio rifiuti del suo Comune. Per Riace, per il modello Riace, è la fine. Bisognava andare fino in fondo e fino in fondo si è andati. Esulta Salvini. Esultano razzisti e fascisti. Esulta quella parte del Paese che mostra la sua parte più incosciente e primitiva, indegna di un miracolo come quello che negli anni si è concretizzato nel “Villaggio globale” di un paese che stava morendo. Quanti, tra loro, sono stati a Riace? Quanti tra loro hanno conosciuto davvero non Lucano ma le opere di Lucano?

Le parole di papà Roberto

Poco dopo quel numero di “Fortune”, noi ci siamo stati a Riace. La prima persona che incontrammo, per uno scherzo del destino, fu il padre di Mimmo Lucano, Roberto. Un anziano, occhiali e bastone, commosso nel parlare di quel figlio che lo faceva dannare. Ci raccontò di quando Mimmo stava a Bussoleno, in provincia di Cuneo. Faceva freddo, un freddo cane. E un giorno sì e l’altro pure tornava a casa senza il giubbino col quale usciva. C’era sempre qualcuno: un clochard, un immigrato, un disperato, che aveva più freddo di lui. «Ci faceva disperare…», ci spiegava suo padre. «Una volta si avvicinò una suora, chiedeva un aiuto non ricordo per cosa. Lui tirò fuori il portafogli e lo svuotò completamente, senza neppure guardare, e di soldi ce n’erano. E io gli dicevo “Mimmo, ma tu puoi fare questa vita?”».

Lo Stato ingiusto

Uno squattrinato, Lucano, uno che sul conto ha il suo stipendio e, forse, se gli sono rimasti – parole sue - «i soldi per il funerale». Quella mattina lo incontrammo: provava a dare conforto a due donne nigeriane, alle quali era arrivata una disposizione prefettizia secondo cui dovevano essere trasferite a Bocchigliero. Le due donne erano disperate, piangevano, dicevano che non volevano andare via da Riace: dopo una vita di sofferenza avevano trovato un luogo di pace. Lucano, impotente, affranto, ripeteva: «Io vi terrei tutti, ma non posso…». E poi a noi: «Che Stato è uno Stato ingiusto, che Stato è uno Stato che considera le persone non esseri umani ma numeri». Già, la legge è legge. La giustizia è un’altra cosa. La lezione stamani l’abbiamo imparata.

 

LEGGI ANCHE:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Pietro Comito
Giornalista
Pietro Comito, che ha iniziato la propria carriera professionale a Rete Kalabria e Radio Onda Verde, è stato redattore del Quotidiano della Calabria dal 2002 al 2005, quindi dal 2006 al 2012 caposervizio di Calabria Ora, dove ha guidato le redazioni di Vibo Valentia, Reggio Calabria, Gioia Tauro, Siderno e Catanzaro. Dal 2012 al 2014 è stato nuovamente in servizio al Quotidiano, dove ha guidato, nella veste di caposervizio, la redazione di Vibo Valentia. Nel 2011 ha ritirato il Premio Agenda Rossa conferito ai giornalisti minacciati dalla 'ndrangheta. Sempre nel 2011 è stato insignito del Premio Paolo Borsellino. Ha pubblicato per la Newton Compton e per la Città del Sole Edizioni ed ha collaborato alla realizzazione del Dizionario enciclopedico delle mafie redatto da Castelvecchi Editore. Esperto di cronaca nera e giudiziaria, negli ultimi anni è stato tra i giornalisti calabresi più esposti nell'informazione sulla criminalità organizzata.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream