'Ndrangheta, politica e sanità: l'antico legame che nessuno vuole spezzare

Un servizio della Iena Gaetano Pecoraro sugli ospedali calabresi ha acceso i riflettori sui motivi che avrebbero portato allo sfascio a cui assistiamo ogni giorno. Ma la situazione è vecchia abbastanza per pensare che nessuno voglia cambiarla

di Francesca  Lagatta
lunedì 25 febbraio 2019
17:37
550 condivisioni
’Ndrangheta e riti di iniziazione
’Ndrangheta e riti di iniziazione

Ieri sera un servizio della "iena" Gaetano Pecoraro sulla sanità calabrese ha scandalizzato tutti. Non tanto per aver mostrato senza filtri le condizioni di fatiscenza in cui versano i nostri ospedali, nel caso specifico Locri e Polistena, ma per quell'accostamento alla 'ndrangheta che, per incisività e concretezza, è sembrato un invidiabile atto di coraggio. In effetti è così, Pecoraro di coraggio ne ha vendere, perché immagino sappia bene cosa significhi denunciare il più grande business di una terra consegnata mani e piedi nelle mani dei boss della mala. Quel che forse la gente non sa, è che il 34enne palermitano ha (finalmente) acceso i riflettori su una questione che è già assai nota, anche nelle procure.

Quelle denunce cadute nel vuoto

«Continuate a denunciare», ci ripetono ogni giorno ad ogni occasione, «continuate ad avere fiducia nelle istituzioni», ma purtroppo gli slogan a volte sembrano stridere con la realtà. I calabresi non sono omertosi come raccontano gli stereotipi. Negli ultimi anni, sui tavoli dei procuratori denunce sulla sanità ne sono arrivate a centinaia, forse a migliaia, circa 500 solo per mano dei parlamentari cinquestelle, che puntualmente hanno segnalato abusi, soprusi, episodi eclatanti e legami ambigui corredando gli esposti con tanto di dettagliata documentazione. Di quegli esposti però non è rimasto che il ricordo, così come quelli presentati dai numerosi cittadini, a parte qualche rara, rarissima eccezione. Possibile che per l'evidente sfascio della sanità calabrese e l'inarrestabile spreco di denaro pubblico a favore delle strutture private non ci sia nessun colpevole?

La politica il collante tra criminali e sanità

Sanità e 'ndrangheta, dicevamo, un binomio garantito dalla politica con le mani in pasta, quella con un piede nelle istituzioni e l'altro nell'onorata società, la cui preoccupazione è quella di preservare gli affari del settore privato sottraendo prestazioni e utenza al settore pubblico. E' per questo, forse, che negli ospedali statali si rompono di continuo le apparecchiature, è per questo che non vengono riparate, che non vengono sostituite. E' sempre un caso che i servizi degli ospedali pubblici si riducano maggiormente quando nei paraggi la salute può essere comprata sborsando fior di quattrini?

La bomba inesplosa dell'ex ministro Fioroni

A sostenere l'ipotesi che la 'ndrangheta ruoti attorno agli affari della salute, non sono solo le recenti inchieste giornalistiche (quelle locali ne fanno menzione già nel 2015). Il 19 maggio 2017 l'ex ministro Beppe Fioroni prende parte a un comizio del paolano Graziano Di Natale, impegnato all'epoca nella campagna elettorale che lo vedrà poi diventare presidente del consiglio comunale della città di San Francesco. In piazza del Popolo a Paola, Fioroni non mostra solo la sua vicinanza al candidato dem, ma coglie anche l'occasione per parlare ai cittadini della questione sollevata da Pecoraro. «Da medico – dice testualmente al microfono – so bene che la sanità pubblica costa meno e non può finire nelle mani delle lobby. La sanità privata invece finisce spesso nella rete delle consorterie mafiose grazie a quei politici che fanno da tramite». Quei politici, spiega ancora l'ex ministro del governo Prodi, devono essere cacciati a calci dalle istituzioni e non devono più metterci piede. Perché evidentemente ce ne sono e perché evidentemente Fioroni lo sa. Ma quelle parole, che per bocca di un uomo che ha rappresentato lo Stato per tanti anni dovevano diventare una "bomba", moriranno sorprendentemente in quella stessa piazza.

Ma di chi stava parlando Beppe Fioroni? E perché chi cerca di indagare finisce sotto indagine come un criminale, mentre i criminali vengono lasciati liberi di fare affari con i boss sulla pelle della povera gente? Servirà finalmente l'inchiesta de "Le Iene" a insinuare qualche dubbio nelle menti dei procuratori di casa nostra?

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream