Resti umani sulla riva del lago, macabra scoperta nel Lecchese

Le ossa sono state recuperate nel bacino naturale di Annone Brianza su segnalazione di alcuni pescatori. Nessuna certezza per ora sull'identità della vittima, e tanto meno su tempi e cause del decesso

di Redazione
5 novembre 2019
11:24
2 condivisioni
Resti umani
Resti umani

Alcuni resti umani sono stati trovati nel Lago di Annone Brianza, in provincia di Lecco, non lontano dal tracciato della Superstrada 36 Milano-Lecco. Si tratta di una mandibola e altre parti di scheletro. Le ossa sono state recuperate e sono ora sottoposte all'esame dell'anatomopatologo incaricato dalla Procura della Repubblica di Lecco.

 

Il macabro rinvenimento è avvenuto in questi giorni - coperto dai riserbo delle forze dell'ordine - da parte di alcuni pescatori in località Isella di Civate (Lecco), sulla sponda del lago che si estende oltre un ex campeggio. Nessuna certezza per ora sull'identità della vittima, e tanto meno su tempi e cause del decesso o se si tratti di un uomo o di una donna. A dare l'allarme dopo il ritrovamento sono stati gli stessi pescatori stranieri, originari dell'Est, abituali frequentatori delle rive del lago di Annone, dove sono soliti anche accamparsi. Le ossa sono state viste nelle vicinanze del sentiero che si addentra nella zona boschiva del lungolago.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio