Nascondeva i corpi di madre e zio in legnaia per riscuotere la pensione

La macabra scoperta è stata effettuata nel Padovano grazie a una segnalazione della banca. Sembra che i due anziani siano morti per cause naturali. L'uomo è stato denunciato

di Redazione
giovedì 16 maggio 2019
17:42
321 condivisioni

Un 55enne di Sant’Urbano, nel Padovano, Federico Bernardinello, è stato denunciato per aver occultato i cadaveri della mamma e dello zio al fine di continuare a riscuotere la loro pensione. Nerina Battistella era deceduta a 88 anni circa sei mesi fa, mentre il fratello della donna, Italo, è venuto a mancare all’età di 87 anni nel 2016. I carabinieri hanno scoperto i corpi ieri pomeriggio, conservati nella legnaia della casa di Bernardinello.

I fatti

Il caso è stato portato alla luce in seguito ai sospetti attenzionati dai funzionari della banca del paese ai carabinieri. Federico Bernardinello si era recato allo sportello per effettuare alcune operazioni sul conto in comune con la madre, per le quali è stato richiesto un certificato di esistenza in vita della signora. In paese, infatti, circolavano da tempo voci riguardanti la scomparsa dei due anziani. Così, quando il 55enne si è recato all'ufficio anagrafe, l'impiegato gli ha posto qualche domanda sui suoi parenti e ha capito che qualcosa non andava. I carabinieri, avvisati dai funzionari, si sono presentati a casa dell'uomo e hanno iniziato a cercare i due anziani, trovando i cadaveri nascosti nella legnaia. I resti della madre erano avvolti in un telo di cellophane, mentre le ossa dello zio erano state riposte in una cassetta. Sembra che i due siano morti per cause naturali, ma è stata comunque disposta l'autopsia per confermare le prime impressioni. Bernardinello è stato denunciato per occultamento di cadavere e truffa aggravata.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: