Briatore “bullonaire”: «Italia fa scappare i ricchi, vorrebbe tutti sfigati»

L’imprenditore del lusso ha partecipato all’assemblea di Federalberghi a Capri tornando a cavalcare alcuni suoi cavalli di battaglia. Bocciato anche il reddito di cittadinanza: «È una ca…»

di Redazione
6 maggio 2019
10:04
71 condivisioni
Flavio Briatore
Flavio Briatore

Non a caso il sito di Roberto D’Agostino, Dagospia, da tempo l’ha ribattezzato “bullonaire”, parafrasando il nome del suo locale per Vip in Sardegna, il Billionarie. Flavio Briatore è tornato a fare il “bullo” durante l’assemblea di Federalberghi a Capri, dove ha battuto sul tasto che pigia più spesso: l’insofferenza dell’Italia per i ricchi e la mancanza di servizi adeguati per i turisti più facoltosi.
«L’Italia – avrebbe detto l’imprenditore, secondo quanto riporta il Giornale - è un Paese comunista che vorrebbe tutti sfigati, un Paese dove vince la gelosia per i ricchi».
«Se vuoi i turisti ricchi – ha continuato - devi dargli un’accoglienza adeguata. Ma qui se crei corsie preferenziali e qualcuno passa avanti, tutti si arrabbiano perché è un Paese che non ama i ricchi. Bisogna farla finita con il parlare di turismo da ricchi, bisogna parlare di chi spende, perché un ricco che non spende è come un povero».

 

A sostegno della sua tesi, l’imprenditore del lusso ha fatto l’esempio di nuovi investimenti che si appresta a fare a Montecarlo: «Tra una settimana – riporta ancora il Giornale - noi e un altro gruppo apriamo due nuove spiagge a Monaco per spingere gli yacht ad allungare i tempi di permanenza. Perché a Monaco ci sono i presupposti per fare bene business, essendo rispettati, pagando il giusto, avendo le infrastrutture». Briatore batte molto anche sull'assenza di porti turistici e la lentezza delle procedure aeroportuali. «Da noi abbiamo perle come Capri e la Sardegna, dove l' ex governatore Soru ha fatto un ottimo lavoro, ma a favore della Corsica, ha fatto scappare via tutte le barche».
Restando in tema di soldi, Briatore ha bocciato anche il reddito di cittadinanza («È una ca...») e il salario minimo. «Ci vorrebbero dei contratti stagionali e noi sostituirci al Governo: se il governo dà a un dipendente 700 euro di reddito di cittadinanza per non far niente, bisognerebbe che dessero la possibilità agli imprenditori di pagare la stessa cifra, gestire il lavoratore per aiutarlo a crescere e poi, se è bravo, dargli un contratto a tempo indeterminato».
«Siamo un Paese – ha aggiunto - che vive sempre sulle sussistenze ma per vivere di sussistenza devi pagare e i soldi non ce l'hanno... La gente ha bisogno di lavorare, i ragazzi vogliono lavorare. Abbiamo un carico fiscale impossibile». E sul salario minimo: «Creiamo posti di lavoro prima di dare tutte queste garanzie minime e massime alla gente che poi si disinvoglia. Anche qualcuno che ha la voglia di fare…».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio