Dal Ministero otto milioni per i mezzi pesanti a Villa San Giovanni

VIDEO | Si tratta di fondi che verranno destinati alla creazione e alla nuova progettazione di un'area rivolta al passaggio di tir e camion con lo scopo di far defluire il traffico verso lo Stretto e soprattutto abbassare l'impatto ambientale. I dati sono stati illustrati dall'amministrazione guidata da Giovanni Siclari e dal senatore di Forza Italia Marco Siclari

di Redazione
2 luglio 2019
13:01
85 condivisioni
Tir
Tir

Carte alla mano, con la risposta del Ministero dei Trasporti, Giovanni Siclari, il sindaco di Villa San Giovanni, la sua amministrazione, e il senatore Marco Siclari hanno illustrato alla città, durante una conferenza stampa, l’ottenimento del nulla osta dei fondi, circa otto milioni di euro, che consentirà il completamento del polmone di stoccaggio.

 

A spiegare l’iter complesso, e non privo di ostacoli, è stato l’assessore Giovanni Imbesi. «Fin dal nostro insediamento nel 2017 – ha chiarito Imbesi – abbiamo attenzionato questo progetto e i fondi del decreto emergenza erano in contabilità speciale in gestione alla Protezione civile, ma il susseguirsi di commissari e sindaci facenti funzione ha creato uno stallo poiché entrambe le figure non erano in possesso dello “status giuridico” di “rappresentante legale” del Comune, necessario per poter proporre “impegni di spesa” e finalizzati all’ utilizzo dei fondi. A quel punto è stato fondamentale l’intervento del senatore Marco Siclari, richiesto dalla Richichi sindaco, facente funzioni, e da tutta la maggioranza. Marco Siclari- ha continuato l'assessore, ai tempi, pur essendo semplice cittadino villese, ha mobilitato i vertici nazionali di Forza Italia, suo partito da oltre 20 anni, per evitare la perdita dei fondi. Solo grazie a lui abbiamo ottenuto il trasferimento dei fondi dalla Protezione Civile al Comune di Villa San Giovanni evitando la perdita delle risorse che cambiano il volto della città». A snocciolare dati e date è stato il primo cittadino Giovanni Siclari il quale ribadito la storicità di un evento che la città attendeva da oltre 40 anni. «Al mio insediamento ho subito preso in mano una situazione in fase di stallo – ha chiarito il primo cittadino – avevamo una proroga solo fino a dicembre 2018, infatti, è stato nostro primario interesse fare in modo che i tempi fossero più flessibili per avere la possibilità di non perdere questi fondi. Sapevamo di dover affrontare un percorso complesso ma, andando oltre gli iniziali scetticismi, siamo andati avanti- ha chiosato Siclari- innescando un meccanismo fatto di incontri con i vertici della protezione civile, grazie al senatore Siclari, e diversi solleciti, fino ad arrivare ad oggi e poter annunciare che, dopo l’inaugurazione del molo di sottoflutto Villa potrà finalmente vedere realizzato l’ennesimo sogno: il polmone di stoccaggio».

L’entusiasmo del primo cittadino nell’annunciare l’ottenimento di una proroga, che rappresenta un passo fondamentale per lo sviluppo e la crescita della città, soprattutto, in termini di salute considerando la diminuzione dell'impatto ambientale che ci sarà liberando il centro città dal traffico veicolare da e per la Sicilia, è stato rafforzato dalle parole di amore per la sua città del senatore Marco Siclari.  «Sono felice per il risultato ottenuto. Villa San Giovanni avrà, finalmente, oltre al porto turistico anche il polmone di Stoccaggio. Nel 2017, mi sono attivato, su richiesta del sindaco facente funzione Maria Grazia Richichi e di tutta la maggioranza, per ottenere la proroga dei fondi. Sono riuscito in pochi giorni, grazie ai vertici nazionali del mio partito a ottenere i fondi in contabilità ordinaria per un valore di 11.500.000 euro con lo stupore degli uffici comunali villesi. Questo passaggio- continua il senatore azzurro- ha permesso di salvaguardare i fondi della città e realizzare i sogni di noi villesi: il porto turistico, atteso da 40 anni e la riduzione dell’inquinamento realizzando il polmone di stoccaggio che regolamenterà l’attraversamento dei mezzi pesanti in città. Ciò permetterà di avere, ad opera terminata, anche un importante indotto economico da destinare ai servizi della città e alla riduzione delle tasse per i cittadini Villesi, come la Tari ed altre ancora. Non ci ho pensato 2 volte, nel 2017, pur non essendo senatore, ha chiosato Siclari, ad intervenire per salvare i sogni di noi villesi, indipendente dal colore politico dell’amministrazione che in quel periodo era in attesa di conoscere l’esito dei ricorsi presentati per non far governare il centrodestra che aveva vinto le elezioni a Villa San Giovanni e che poi ha vinto anche i ricorsi ai tribunali. Occorre meno odio personale e politico, evitiamo di fare “i leoni da tastiera” e seminiamo più solidarietà e amore per la città facendo squadra. Ciascuno di noi può dare un contributo costruttivo alla città in modo sano e serio perché i villesi amano Villa. Io ho agito da cittadino villese nel 2017- ha concluso- pensando al futuro della città e dei villesi, indipendente dall’appartenenza politica, ed oggi continuò a farlo da villese e da Senatore della Repubblica. Viene prima Villa, la Calabria e poi la politica».

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio