Scuole del Crotonese, rimangono ancora alcune criticità

VIDEO | Dai banchi alle sedie, fino ai riscaldamenti: per gli istituti di competenza provinciale la situazione – in via di risoluzione – rimane la stessa. Gli studenti del “Gravina”, intanto, attendono ancora la costruzione del nuovo plesso che possa raccogliere tutti i cinque indirizzo di studio

di Giuseppe Laratta
venerdì 14 settembre 2018
13:38
9 condivisioni

A pochissimi giorni dall'inizio dell'anno scolastico, permangono ancora alcune problematiche per gli istituti scolastici del Crotonese. Non ci sono criticità a livello strutturale, secondo quanto riferito dal presidente della Provincia e sindaco di Crotone Ugo Pugliese, ma le scuole necessitano di interventi di manutenzione ordinaria. Nei giorni scorsi, il presidente ha riunito i dirigenti scolastici del territorio per fare il punto della situazione e per fare un elenco delle criticità sulle quali intervenire via via quando arriveranno risorse dalla Regione. Dunque, ancora una volta le difficoltà economiche dell'ente intermedio sono “protagoniste” di ritardi negli interventi nei 17 istituti in cui è competente.

 

A quanto appreso dall'incontro in Provincia, il liceo Scientifico “Filolao” registra il doppio delle presenze rispetto alla capienza del plesso stesso, il “Borrelli” di Santa Severina ha manifestato preoccupazione in vista delle piogge invernali che potrebbero provocare danni alla struttura, l'istituto professionale di Petilia Policastro – come tanti altri – ha riportato criticità nell'impianto di riscaldamento, il liceo “Lilio” di Cirò ha fatto presente l'insufficienza di banchi e sedie. Ultimo, non per ultimo, il liceo “Gravina” di Crotone, dislocato in tre plessi, che aspetta da anni una sistemazione unica e definitiva dove per poter accogliere gli studenti. L'area dove dovrà sorgere il nuovo istituto è stata individuata in via Acquabona, ma è sono stati ritrovati alcuni reperti archeologici, cosicchè il tutto è ancora fermo.

 

Ne abbiamo parlato con la dirigente scolastica, la prof.essa Donatella Calvo: «al momento – ha dichiarato – occupiamo i tre plessi assegnati di via Ugo Foscolo, quello alle spalle, e quello (del quartiere n.d.r.) di San Francesco dove trovano posto le classi del Musicale, Coreutico e Linguistico; stiamo aspettando la conferma per l'utilizzo di sette aule per l'indirizzo Scienze Umane all'istituto “Lucifero-Ciliberto”». L'obiettivo a lungo termine è quello di avere un edificio unico per tutti gli studenti che, come risaputo, lunedì 17 settembre torneranno sui banchi, ma a breve non è esclusa una loro mobilitazione come accaduto nel mese di febbraio quando scesero a manifestare davanti il palazzo comunale e davanti quello provinciale per rivendicare la costruzione del nuovo plesso, viste le situazioni di disagio – bagni rotti e allagati, soffitti cadenti – riscontrate. A queste, si aggiunge anche la presenza, nel plesso B, di un lungo e stretto corridoio che gli alunni devono percorrere per raggiungere le aule, e ciò potrebbe comportare problemi di sicurezza; oppure, nel plesso centrale, gli studenti non possono fare educazione fisica poiché la palestra è inagibile, e si adattano in una stanza con biliardino e tavolo da ping-pong.

 

Per quanto concerne, invece, le scuole di competenza comunale – elementari e medie - le problematiche sono in via di risoluzione poiché, secondo il sindaco Pugliese, sono stati fatti già i bandi antisismici e si sta completando l'iter per metterle in regola con altre normative. Rimane qualche criticità in alcune strutture che fanno “da contorno”: in particolare, vicino l'istituto comprensivo “Cutuli”, nella periferia sud della città, è presente il sovrappasso di viale Gandhi, una struttura che ogni giorno mamme e bambini utilizzano per attraversare la strada. Lo stesso riporta danni importanti, poiché entrambi gli ascensori sono stati distrutti, le luci rotte, e parte della tettoia è divelta. Tutto questo a tre giorni dall'inizio del nuovo anno scolastico.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Giuseppe Laratta
Giornalista
Giornalista pubblicista dal 2015, inizia a muovere i primi passi a 16 anni approdando a Radio Studio 97, emittente radiofonica a copertura provinciale, in qualità di regista, speaker e dj, con una collaborazione durata dal 2004 al 2017. Nel 2011, grazie a un tirocinio universitario, inizia un percorso con l'Arteria Music Label, etichetta discografica indipendente di Bologna, dove cura la parte social, i contatti con gli artisti, e la redazione di articoli promozionali delle produzioni musicali. Nel gennaio del 2013, dopo la parentesi universitaria, rientra nella sua Crotone dove intraprende l'attività giornalistica a Esperia Tv, emittente televisiva a copertura regionale, per due anni, nei quali ottiene il patentino di giornalista pubblicista, iscrivendosi all'apposito albo nel luglio del 2015. Nel 2016 cura i rapporti con la stampa per il candidato e futuro sindaco pitagorico Ugo Pugliese; nello stesso anno inizia a collaborare con le testate locali CrotoneOk e il Rossoblu – conclusa a dicembre 2017 – e con Il Quotidiano del Sud, che continua ancora. Nel gennaio 2018 entra a far parte della redazione di LaC News 24 come corrispondente da Crotone e provincia. Ha una grande passione per la musica, la lettura, e suona il pianoforte dall'età di 14 anni.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: