Da mesi senza stipendio, a Reggio la protesta degli addetti alle pulizie delle Poste

VIDEO | La ditta che ha vinto l'appalto non paga da luglio le spettanze e i lavoratori sono esasperati. Durante lo sciopero i sindacati hanno ottenuto che, se entro due settimane l'azienda non salda gli arretrati, si farà carico delle somme

di Angela  Panzera
25 ottobre 2019
13:00
65 condivisioni

Stamani hanno incrociato le braccia i 100 addetti alle pulizie in servizio agli uffici postali di tutta la provincia reggina. Da ben 4 mesi  la loro azienda, “Manitalidea spa” che ha vinto l’appalto, non paga gli stipendi e sta mettendo in ginocchio le già precarie condizioni economiche di queste cento famiglie. I dipendenti inoltre, per lavorare devono spostarsi e quindi sono costretti a sobbarcarsi i costi del trasporto. Una situazione drammatica quella che stanno vivendo i lavoratori i quali, nonostante tutto, regolarmente si recano sul proprio posto assicurando il servizio. «È  davvero difficile continuare così- ci racconta Antonino Sgarlato, addetto alle pulizie alla filiale reggina, è da luglio che non vi pagano e ci manca anche la quattordicesima. L’azienda deve capire che dietro di noi ci sono i nostri figli, le nostre famiglie molte delle quali mono reddito. È impossibile andare avanti che si faccia chiarezza una volta per tutte e soprattutto che ci paghino». I dipendenti poi della provincia prestano servizio in più uffici sparsi in diversi comuni quindi hanno a carico i costi chi dell’auto chi dei mezzi di trasporto. «Io al momento sto pagando per lavorare- ci dice Maria Armonio, addetta alle pulizie degli uffici della Locride; molti come me vivono in situazioni difficili. Io ad esempio ho una figlia disabile e se non fosse per il sussidio che riceviamo non avrei neanche come mangiare, come pagare l’affitto. Tutto questo- conclude la donna- è umiliante. Speriamo davvero che le Poste intervengano, così come la Prefettura, perché davvero non si può andare avanti così».

I sindacati hanno ottenuto un piccolo risultato:  se entro 15 giorni l’azienda non salda le spettanze a subentrare per i pagamenti sarà  direttamente Poste Italiane. «Noi ci riteniamo soddisfatti di questa apertura di Poste- afferma Samantha Caridi segretario della Filcams Cgil Reggio Calabria- e confidiamo nel loro operato. La situazione è diventata insostenibile. Qua c’è in gioco il destino di centinaia di lavoratori anche perché l’azienda opera su tutto il territorio nazionale. Oltre a questa nostra istanza abbiamo comunque invitato Poste italiane- ha concluso- a rescindere il contratto per inadempienza con la ditta in modo da non trovarci più in questa terribile situazione». 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio