Protestano i lavoratori Corap: «La politica si metta una mano sulla coscienza»

VIDEO | Continua il presidio dei dipendenti davanti alla sede del Consiglio regionale della Calabria: «Siamo cento padri di famiglia non possono lasciarci in mezzo ad una strada»

di Angela  Panzera
22 ottobre 2019
13:18
67 condivisioni

Dura da oltre 24 ore, e continuerà per tutta la giornata odierna, il presidio dinanzi la sede del consiglio regionale della Calabria dei lavoratori del Corap e dei sindacati. Cgil, Cisl, Uil e Ugl infatti, stanno monitorando i lavori delle commissioni Bilancio e affari generali che in questi momenti sono riunite in seduta comune. I consiglieri impegnati dovranno portare all’attenzione dell’aula di Palazzo Campanella una proposta di legge unitaria affinché venga discussa oggi e soprattutto approvata non solo per mettere in liquidazione l’ente, ma soprattutto per salvare i 100 posti di lavoro. La loro sorte è “appesa a un filo” visto che ormai il consorzio regionale per lo sviluppo delle attività produttive è sommerso di debiti: circa 90 milioni di euro. «Noi difenderemo il nostro posto - ci dice Gaetano Giuseppe lavoratore del Corap Crotone, con le unghie e con i denti. Oggi la politica deve mettersi una mano sulla coscienza e vedere come fare a tutelare i nostri diritti. Siamo cento padri di famiglia non possono lasciarci in mezzo ad una strada».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio