Lamezia, dal Viminale arrivano 9 milioni di euro

La somma dovrà essere restituita in dieci anni e rientra nelle opportunità date ai comuni sciolti per infiltrazioni mafiose e a rischio dissesto

di Tiziana Bagnato
martedì 8 gennaio 2019
15:07
5 condivisioni

Sono quasi nove i milioni di euro che con decreto ufficiale del ministero dell’Interno il governo ha concesso al Comune di Lamezia Terme in ottemperanza a quanto previsto per i comuni sciolti per presunte infiltrazioni mafiose.

 

Si tratta di un’anticipazione di cassa che verrà utilizzata per le retribuzioni del personale, per le rate dei mutui e dei prestiti obbligazionari oltre che per i servizi locali indispensabili.

 

Una cifra importante che l’ente è vincolato a restituire entro dieci anni, calcolati dall’anno successivo all’erogazione del prestito.  

 

La norma che coordina la concessione della somma è quella vigente nel caso di comuni sciolti per mafia che abbiano squilibri strutturali di bilancio che potrebbero innescare un dissesto finanziario.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Tiziana Bagnato
Giornalista
Lametina, laureata in Scienze della Comunicazione con indirizzo Giornalismo alla Lumsa di Roma, Tiziana Bagnato ha sempre affiancato la carta stampata all’ambito televisivo. Dopo aver lavorato nell’emittente regionale Calabria Tv e per diversi anni per il quotidiano Calabria Ora, poi L’Ora della Calabria, è approdata nell’emittente St Television e sul quotidiano Il Garantista di cui è ancora firma. 
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: