Insegnanti in esilio, in 700 da settembre con la valigia in mano

VIDEO | I docenti hanno partecipato al concorso a cattedra 2018 ma per ritardi non sono stati immessi in ruolo. Quest'anno potranno scegliere le sedi attingendo da un contingente esiguo

di Luana  Costa
giovedì 18 luglio 2019
12:19
137 condivisioni

«Il concorso che era l'unica via che ci conduceva al ruolo, adesso passa da una dolorosa scelta di una sede scolastica che non si addice alle nostre aspettative». Tempi duri anche per i docenti vincitori di concorso, che vedono oggi naufragare il mito del posto statale, guadagnato sì ma al costo di pesanti sacrifici. «In termini pratici - conferma Giuseppe Zolli, docente di lettere - i primi nella graduatoria di merito saranno costretti a scegliere anche una sede disagiata e a restare lì per cinque lunghi anni senza possibilità di trasferimento». C'è chi quindi da Cosenza dovrà spostarsi nella provincia di Reggio Calabria, destinazione obbligata anche per molti docenti residenti a Crotone e chi ancora da Cosenza dovrà raggiungere Vibo Valentia per poter insegnare.

 

«Si potrà scegliere solo su un esiguo numero di posti disponibili a dispetto di chi segue nella graduatoria che potrà scegliere su un ampio numero che sarebbero quelli del nuovo contingente». Soltanto per la classe di concorso di lettere sono circa 300 i docenti che saranno costretti a settembre a far le valigie e a spostarsi di provincia. Ma a questi si aggiungono gli insegnanti di economia, scienze, inglese e quelli di sostegno che fanno lievitare il contingente portandolo a quota 700. «Speriamo che almento questa volta gli ultimi non saranno i primi».

Luana Costa

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Luana  Costa
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: