Delusione da reddito di cittadinanza, ecco come si calcola l'importo

VIDEO | Un miraggio i 780 euro promessi dagli spot pubblicitari, ecco perché molte famiglie riceveranno in media meno di 400 euro

di Salvatore Bruno
22 aprile 2019
09:01
770 condivisioni

L’insoddisfazione corre sul filo della rete dove, nelle ultime ore, monta il coro delle proteste dei beneficiari del reddito di cittadinanza rimasti delusi dagli importi loro attribuiti. In molti casi l’erogazione è limitata a poche decine di euro, mentre gli spot pubblicitari avevano offerto la percezione di un sostegno più cospicuo, almeno fino a 780 euro mensili.

Migliaia di domande lavorate

L’equivoco si gioca sulla finalità della misura. Si tratta di una integrazione e non di un contributo. Quindi l’importo integra il reddito familiare, fino ad arrivare alla soglia massima concedibile. Per cui se, in base all’Isee, si gode già di un reddito vicino a questa cifra, l’integrazione può risultare davvero irrisoria. Nel complesso, dal 15 aprile scorso, l’Inps ha trasmesso a Poste Italiane il via libera per liquidare 487.667 domande. 177.422 sono state respinte mentre 15.876 sono ferme per ulteriore attività istruttoria. Mediamente il 7% del totale riceve una somma di appena 40/50 euro. La maggior parte si attesta sui 400 euro

Se le condizioni economiche sono cambiate

C’è poi il problema di coloro che oggi si ritrova in condizioni di indigenza ma nel 2017, anno di riferimento della certificazione Isee, avevano magari un lavoro che hanno perso. In questi casi cosa si può ricorrere al modello Isee corrente, come suggerito anche da Luca Cascardi, funzionario del Caf della Cgil di Cosenza.

 

 

LEGGI ANCHE:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio