La marcia dei sindacati sul ponte Allaro: «Serve lavoro non assistenza»

VIDEO | L'iniziativa partita da Reggio per sensibilizzare il governo all'emergenza infrastrutture giunge a Caulonia. Lo sfogo di un imprenditore: «Abbandonati da tutti»

di Ilario  Balì
11 luglio 2019
11:02
46 condivisioni

150 chilometri a piedi per sottolineare le criticità infrastrutturali del territorio. La lunga marcia dei sindacati partita da Reggio due settimane fa si è conclusa a Caulonia Marina davanti al cantiere del ponte Allaro lungo la statale 106, simbolo dell’isolamento di un intero territorio, la cui chiusura ha messo a rischio anche alcune attività imprenditoriali. Come quella di Ilario Caristo, titolare di un’area di servizio a pochi metri dal viadotto-cantiere. «Siamo abbandonati da tutti, non si può vivere così – ha spiegato ai manifestanti – ho 6 dipendenti, ma ormai i soldi si stanno finendo e tra qualche mese sarò costretto a chiudere».

La marcia si è conclusa in serata, nell’anfiteatro sul lungomare di Caulonia, con un'iniziativa alla quale hanno partecipato il segretario nazionale Filt-Cgil Stefano Malorgio, i dirigenti sindacali Cgil e Filt Nino Costantino, Angelo Sposato, Gregorio Pititto e Giuseppe Valentino, il sindaco di Caulonia Caterina Belcastro, il giornalista Michele Albanese e il presidente della Commissione regionale antimafia Arturo Bova.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Ilario  Balì
Giornalista

Trentatre anni, giornalista con una laurea in Scienze della Comunicazione conseguita presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università della Calabria. Sin da ragazzo il s...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio