Serra San Bruno capitale del turismo green. Al via Serrestate 2019

VIDEO | Il sindaco Luigi Tassone: «La nostra città si qualifica come centro imprescindibile per il turismo calabrese di qualità. E per quest’anno, attendiamo almeno 25 mila persone». Nel dettaglio, il cartellone degli eventi d'agosto: dalla musica all'astronomia, passando per la cultura ed il sociale

di Monica La Torre
2 agosto 2019
16:10
1084 condivisioni
La Certosa di Serra San Bruno
La Certosa di Serra San Bruno

25 giorni di eventi, migliaia e migliaia di persone attese, giardini e monumenti tirati a lucido, infrastrutture culturali che si apprestano ad essere riaperte e rilanciate: e ancora sport, musica, gastronomia, e tantissimo ambiente. Serra San Bruno si conferma, quest’anno tra le capitali del turismo estivo regionale: e non è certo scontato, vista la distanza che separa il centro montano dalle mete balneari più frequentate. A capitanare la squadra dei principali artefici di questa bella stagione di turismo, il sindaco Luigi Tassone. Un ragazzo di grande entusiasmo, che con giustificato orgoglio ci anticipa cifre, date e novità dell’agosto serrese alle porte: il cartellone del Serrestate 2019.


La capitale del turismo verde

«Ormai la nostra città si qualifica come centro imprescindibile per il turismo calabrese di qualità. E per quest’anno, attendiamo almeno 25 mila persone – dichiara -. Il clima, il patrimonio ambientale e paesaggistico, il richiamo spirituale della figura di San Bruno e la presenza della Certosa, fanno della nostra città un luogo unico, che ogni anno attrae visitatori consapevoli ed appassionati. Le iniziative che si susseguiranno per tutto il mese - prosegue il sindaco - sono state pensate sia per loro che per i nostri abitanti: e tendono tutte ad esaltare la nostra cultura, le nostre eccellenze, le unicità artistiche storiche ed architettoniche».

Arte, musica e spettacolo

Il primo appuntamento di rilievo è costituito dal Serrasuoni, festival musicale che si terrà il prossimo fine settimana e che vedrà esibirsi, in piazza Mons. Barillari, dalle 21.30 a seguire, la band Statale 107 bis - finalista Sanremo Rock 2019 - il 5 agosto, e i serresi Parafonè il 6. Il concerto dell’Orchestra di fiati “Città di Serra San Bruno” è previsto il 7 agosto, mentre dal 9 al 13 sarà la volta di Serre in festival. n occasione dei festeggiamenti in onore di Maria Santissima Assunta in Cielo (14 e 15 agosto) e San Rocco (16 e 17), previste quattro grandi serate. Ma il calendario prosegue, anche nell’ultima decade del mese, con eventi sportivi, degustazioni gastronomiche, serate di danza, cinema in piazza, osservazioni astronomiche. Si chiude il 25, con il concorso di pittura a premi Giorgio Mangone.

 

Nuovi spazi culturali

«All’estate in grande stile – conclude il Sindaco -, farà corollario l’apertura di due infrastrutture pensate per venire incontro alle esigenze culturali e didattiche della città, ad iniziare dai ragazzi. La Biblioteca comunale, dove gli studenti di ogni ordine e grado potranno andare a studiare, incontrarsi, approfondire temi ed argomenti diversi, e la Pinacoteca: anche questa, pensata per ospitare opere d’arte serresi moderne e contemporanee ed una specifica attività laboratoriale didattica – ha quindi specificato il primo cittadino, concludendo con un auspicio-: Serra ha una grande ed importante tradizione culturale ed artistica. Vogliamo, attraverso l’educazione al bello, che queste ricchezze si trasmettano integre ai nostri giovani che un domani avranno il compito di custodire l’eredità preziosa della nostra memoria storica, e del nostro patrimonio».

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Monica La Torre
Giornalista
Monica La Torre, padre calabrese e madre umbra, nasce a Tropea 50 anni fa. Nenache cinquenne, è costretta da un destino avverso ad emigrare in una ridente cittadina tra Assisi e Spoleto, nel regno di Don Matteo. Passa gli ultimi 46 anni a lamentarsi per questa sorte ria, senza riuscire a trovare una scusa valida per ri-trasferirsi. Di mestiere fa la nostalgica. Nei ritagli di tempo si è laureata, ha cambiato un numero imprecisato di lavori, ha imparato a memoria le uscite della Salerno Reggio Calabria, attraversato a nuoto lo stretto di Messina, rovinato la giovinezza con vent'anni di partita IVA. Senza merito alcuno, è circondata di persone belle, che ne sopportano il pianto greco da emigrata inconsolabile. E' malata di mare ed happy hour. Tutti sanno che convive con due vizi innominabili. Quella cosa con la quale non si mangia chiamata: ARTE, e quella cosa che in Calabria è meglio dimenticare, chiamata: NATURA. Crede che la bellezza salverà il mondo, ma non il suo, perché la rivoluzione delle coscienze avverrà 24 ore dopo il suo trasferimento "altrove". Non per questo, si incazza di meno con le "capre". Non ha avversione per il denaro: è il denaro che ne ha per lei.  
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio