Totò Schillaci e la Varia di Palmi, dai calci sull'asfalto al sacrificio dei portatori

VIDEO | Il campione è stato ospite di un evento che prepara la grande festa del 25 agosto 

di Agostino Pantano
mercoledì 14 agosto 2019
13:54
10 condivisioni

Le tre vite di Salvatore Schillaci detto Totò, dai campi di periferia fino allo show dell’isola dei famosi, passando per le notti magiche di Italia ‘90, sono state la metafora scelta dagli organizzatori della Varia di Palmi per parlare del sacrificio nello sport. Nella villa comunale, l’ex Pallone d’Oro ha premiato i campioni in erba ed ha dialogato – con Antonio Malgeri e Arcargelo Badolati - sull’importanza del sacrificio nello sport. Una leva, quest’ultima, che ricorda molto lo sforzo comunitario che sta dietro alla Festa della macchina a spalla che si terrà il 25 agosto nella cittadina del Reggino, visto che i ‘mbuttaturi – i portatori che trascineranno il simulacro tra le ali di folla – tendono proprio nell’unica direzione della buona riuscita della “scasata”.

 

Nell’intervista esclusiva che ci ha concesso, Schillaci ha ripercorso le sue tre vite: dai campi della periferia del Sud (“ho iniziato tirando calci ad un pallone sull’asfalto”, dice), passando per i successi nel mondiale del ’90 (“non mi sono sentito sconfitto, visto quello che ho vinto grazie a quelle 6 reti, ma deluso come del resto tutta la nazione”, afferma), fino a descrivere la sua nuova esperienza con la scuola calcio che ha aperto nella sua Palermo (“ai ragazzi dico di essere tenaci e impegnarsi”. Insomma un campione che si racconta, che ricorda la differenza tra i due maestri Scoglio e Zeman, e che alla fine si confessa: «Sono stato anche io portatore della statua della Madonna».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Agostino Pantano
Giornalista
Agostino Pantano, giornalista professionista, 43 anni, vive a San Ferdinando. È stato corrispondente dei quotidiani Gazzetta del Sud e Il Domani della Calabria. Dal 2006 al 2010 ha diretto la redazione di Gioia Tauro di Calabria Ora. Con altri colleghi, usciti dal giornale per contestare la linea editoriale, ha fondato Il Corriere della Calabria, un periodico e un sito on line per cui ha lavorato come redattore. Ha collaborato con Le Cronache del Garantista e L’Unità. Ha diretto il mensile A Sinistra e la Web Tv Pianainforma.   Dal 2010 al luglio 2016 è stato al centro di un caso giudiziario tra i più gravi nella storia del giornalismo italiano: processato due volte per la sua inchiesta sullo scioglimento per mafia del consiglio comunale di Taurianova, e in un caso per il reato di “ricettazione di notizie”, è stato assolto in entrambe le occasioni.   È componente del Consiglio nazionale dell’Unci (Unione nazionale cronisti italiani). È iscritto all’associazione “Articolo 21”. E’ laureato in Scienze Politiche con una tesi sulla storia del V° Centro siderurgico di Gioia Tauro.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: