San Pietro in Guarano celebra Frank Michele Gervasi

Originario di una famiglia della cittadina silana emigrata negli Stati Uniti, scomparso nel 2015, ha combattuto nelle file dell'esercito americano durante la seconda guerra mondiale. Pluridecorato, è tra i protagonisti di un documentario che sarà proiettato nel corso della manifestazione 

di Salvatore Bruno
mercoledì 1 agosto 2018
22:59
8 condivisioni

Tra i militari americani protagonisti dello sbarco di Normandia del 6 giugno 1944 c’era anche un giovane originario di San Pietro in Guarano. Si chiamava Frank Michele Gervasi. I suoi genitori, Michele Gervasi e Luigina Bennardo, erano partiti dalla cittadina silana all’alba del novecento per emigrare a New York a bordo di una nave salpata dal porto di Napoli. Frank Michele Gervasi, appartenente alla prima divisione dell’esercito a stelle e strisce, conosciuta come The Big RedOne, fu protagonista anche di altre azioni militari della seconda guerra mondiale. Fatto prigioniero in Africa dai nazisti, fu liberato dagli alleati in Sicilia durante l’operazione Husky. Si è spento nel 2015 all’età di 96 anni dopo aver ricevuto, pochi mesi prima della sua morte, la nomina a Cavaliere di Francia con la concessione della Legion d’Onore, la più alta onorificenza del paese transalpino.

La comunità di San Pietro in Guarano ne ricorderà la figura e le imprese sabato prossimo 4 agosto, alle ore 18,30, nella sala polifunzionale Cinema Don Loria, nel corso di una iniziativa introdotta dal sindaco Francesco Cozza, alla quale interverrà il capo della sicurezza del consolato americano di Napoli Joseph Bracken Murphy. Sarà inoltre proiettato il documentario del regista fiorentino Stefano Ballini Monte Sole Landing Memories, nel quale, tra le interviste ai veterani del secondo conflitto mondiale, vi è anche la testimonianza di Frank Michele Gervasi.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: