San Nicola Arcella, al via un gemellaggio nel segno dello scrittore Crawford

Il drammaturgo statunitense visse tra le due città, quella tirrenica e quella campana di Sant'Agnello, tra la fine del 1800 e gli inizi del 1900 

di Francesca  Lagatta
lunedì 8 aprile 2019
11:47
217 condivisioni
Torre Crawford
Torre Crawford

Domani, martedì 9 aprile, la sindaca di San Nicola Arcella, Barbara Mele, e l’amministrazione comunale da lei presieduta, ospiterà una delegazione del Comune di Sant’Agnello (Na) guidata dal sindaco Pietro Sagristani, per sancire un Patto di gemellaggio. L’incontro avverrà in occasione del 110° anniversario della scomparsa di Francis Marion Crawford, lo scrittore e drammaturgo statunitense che ha soggiornato sia nella cittadina dell’alto Tirreno cosentino a cavallo tra la fine dell’Ottocento e i primi anni del Novecento. La salma è sepolta nella cittadina campana. 

Il Patto di gemellaggio tra i due Comuni

Nel corso dell’incontro istituzionale verranno avviate le attività propedeutiche alla costituzione del Patto di Gemellaggio tra i due Comuni, sostenuto anche dalla Pro Loco di San Nicola Arcella e dalla sua presidente Cristina Avallone. L'accordo, avviato in modo informale da tempo, si è rafforzato in occasione di un recente evento culturale riguardante proprio la figura e l’opera di Crawford. Sarà presente anche il prof. Antonino De Angelis, direttore del Centro Studi e Ricerche a lui intitolato, il cui sito nella cittadina della penisola sorrentina è stato per anni a “Villa Crawford”, dove lo scrittore trascorse gli ultimi anni di vita, morendovi il 9 aprile del 1909, e che oggi ospita un’istituzione religiosa.

Chi era Francis Marion Crawford?

Crawford è stato un autore poliedrico e conoscitore di ben 17 lingue, aveva avuto esperienze anche negli Stati Uniti e in India, dove dirigeva il quotidiano “Allahabad Indian Herald” e aveva studiato nelle università statunitensi, a Cambridge e Concord, e poi in Europa a Karlsruhe, Heidelberg e Roma. Discendeva da una famiglia di intellettuali ed artisti, era figlio dello scultore statunitense Thomas Crawford e la madre, Louisa Cutler Ward, era sorella della poetessa americana Julia Ward Howe.

Era profondamente innamorato dell’Italia. Fissò la sua residenza a Sant’Agnello e successivamente in Calabria, a San Nicola Arcella, che raggiungeva via mare con la sua pilotina americana “Alda”. Proprio nella Torre di vedetta del ‘500 “San Nicola”, oggi denominata “Torre Crawford”, ha dimorato per diversi anni, traendo da questo luogo ispirazioni per la sua cospicua produzione letteraria, non esclusivamente legata al genere “horror” per il quale è noto, soprattutto per il racconto “For the Blood is the life, scritto e ambientato nella torre, essendo stato riconosciuto nel panorama letterario anglosassone del suo periodo tra quelli di elevato rango, al pari di William D. Howells, Henry James, Virginia Woolf, Rudyard Kipling. Tra l’altro, dai suoi più noti romanzi furono tratti film prodotti nella prima metà dello scorso secolo interpretati dai divi come Clark Gable, Lillian Gish, Ronald Coleman.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: