Al Planetario Pythagoras di Reggio l'autunno tra mito e scienza

Gli esperti della struttura intratterranno il pubblico su argomenti legati alle leggende. Il rigore del metodo scientifico si unisce alla tradizione

 

di Redazione
sabato 22 settembre 2018
15:10
Condividi

Il Planetario Pythagoras di Reggio Calabria ha organizzato, per domenica 23 settembre, un incontro per celebrare l’arrivo dell’autunno. Il tema scelto per questa annualità sarà “L’Autunno tra mito, arte e scienza”. L’Autunno astronomico avrà inizio con l’equinozio che cadrà alle ore 3.54 del 23 settembre. Vari artisti, poeti, scrittori hanno dedicato opere, poesie e testi per celebrare questo momento dell’anno ed hanno affermato che «la luce ed i colori che assume il cielo in questa stagione hanno un che di struggente e inducono l'anima a ripiegare su se stessa».  

 

Nella tradizione iniziatica, infatti, questo momento rappresenta un passaggio, un tempo per la meditazione, per rivolgersi all’interno, durante il quale la separazione tra ciò che è visibile e ciò che è invisibile si assottiglia sin quasi a scomparire. Molti sono i miti legati a questo evento astronomico: nel tempo dei Misteri Eleusini l'equinozio d'autunno era il momento della discesa di Persefone nell'Ade e del dolore di Demetra; nella mitologia celtica l’equinozio d’autunno è indicato col nome di Mabon; legata ai significati dell’equinozio è anche la festa dell’Arcangelo Michele.

 

Per la scienza non è altro che un istante: quello in cui il Sole, nel suo moto annuale apparente lungo l'eclittica, viene a trovarsi esattamente sull'equatore celeste nel punto detto della Bilancia, definizione non esatta in quanto questo punto, a causa del moto di precessione dell’asse terrestre, oggi cade entro la costellazione della Vergine ed indica l'inizio della discesa del Sole al di sotto dell'equatore celeste. Le ore di luce diminuiscono e prevalgono quelle di buio, la durata del giorno diminuisce sensibilmente fino a toccare la durata minima il giorno del solstizio d’inverno.

 

Nicola Petrolino, esperto di cinema, Angela Misiano e gli esperti del planetario intratterranno il pubblico su questi argomenti, evidenziando come il rigore del metodo scientifico si è ben amalgamato all’arte ed al fascino che l’uomo ha sempre avuto nell’alzare lo sguardo verso il cielo e scrutare le stelle con stupore e curiosità.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: