Mendicino si apre all'accoglienza, parte il progetto d’integrazione per giovani migranti

I ragazzi sono coinvolti in un’iniziativa nata allo scopo di conoscere le loro storie e, al contempo, far apprezzare la realtà che li ospita

giovedì 28 marzo 2019
11:20
32 condivisioni
Migranti
Migranti

Hanno un’età compresa tra i sedici e i diciotto anni e arrivano dal Gambia, dalla Nigeria, dal Ghana, dalla Costa d'Avorio, dal Senegal, dall'Egitto, dal Mali, dalla Guinea ma anche dalla vicina Albania, i ragazzi coinvolti nel progetto "L'arte di Conoscersi in Cantiere". Il progetto, finanziato dal Ministero dell'Interno e dalla Comunità Europea, è realizzato dall'associazione PartecipaAzione onlus in partnership con il comune di Mendicino (soggetto beneficiario) e l'associazione PortaCenere. L'obiettivo è quello di conoscere il mondo di provenienza dei ragazzi e al contempo far conoscere la realtà che li ospita, costruendo un percorso di consapevolezza.

 

«Un compito molto delicato - spiega la presidente di PartecipaAzione Onlus, Vittoria Paradiso - per l'associazione che si avvale della collaborazione di professionisti impegnati in laboratori di teatro, musica, cortometraggio, pittura». Già attivi i laboratori "Il teatro non ha colori" e "Conoscersi per includersi" e ci sono stati anche i primi incontri di sensibilizzazione con il gruppo scout di 17enni "Rosa dei Venti" dell'Agesci di Castrolibero. «Si procede per step» conclude la presidente di PartecipaAzione onlus «in questa prima fase si è lavorato molto nel creare spazi di ascolto, far emergere i bisogni, il vissuto, le opinioni dei ragazzi».

 

«Sconfiggere paura e pregiudizi, fornire strumenti che possano essere utili per il futuro dei ragazzi e al contempo del territorio, - aggiunge - è il risultato che speriamo di raggiungere nei prossimi mesi». Tra i percorsi previsti dal progetto c’è anche lo spettacolo teatrale "La Pace", liberamente tratto dal testo di Aristofane, che i giovani allievi, diretti dagli attori Elisa Ianni Palarchio e Mario Massaro, presenteranno nel teatro di Medicino. Soggetti aderenti al progetto sono la società cooperativa il Delfino e la Fo.Co. Onlus, che ospitano, nelle strutture "La Contea" di Mendicino, "Barbalbero" di Celico, "Gran Burrone" di Casali del Manco e "Casa Ismaele" di Rogliano, i minori non accompagnati partecipanti alle iniziative in programma per "L'arte di conoscersi in cantiere".

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: