OK
Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di altri siti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Se accedi a un qualunque elemento sottostante questo banner acconsenti all´uso dei cookie.
Cultura

Lamezia, cala il sipario anche sul teatro Grandinetti - VIDEO

Continua il braccio di ferro tra operatori culturali e commissari. Intanto i progetti regionali approvati sono rimasti senza una sede visto che da via Perugini tutti i teatri comunali sono stati chiusi

di Tiziana Bagnato
sabato 14 aprile 2018
13:49
1 condivisioni

Ultima sera di sipario aperto quella di questa sera per il Teatro Grandinetti di Lamezia Terme. Le criticità emerse nelle scorse settimane sembravano essere state ormai superate ma l’ultima comunicazione dirigenziale ha infranto le speranze.

 

E’ uno dei dati emersi durante la conferenza stampa convocata dagli operatori culturali della città per informare la cittadinanza dei tentativi andati a vuoto di creare una relazione con la terna commissariale e di come la chiusura attuale dei Teatro Costabile ed Umberto e quella imminente del Grandinetti possa avere ripercussioni importanti, di tipo economico oltre che di immagine per una città già schiacciata dalla nomea di mafiosa.


Nella sede dell’Ama Calabria si sono riuniti Francesco Pollice, direttore artistico della rinomata associazione musicale, Ivan Falvo D’Urso, in rappresentanza dell’Arci, Nico Morelli per l’associazione teatrale i Vacantusi, Gian Lorenzo Franzì per il Lamezia Film Fest, Ruggero Pegna per la Show Net e Piero e Pierpaolo Bonaccurso per TeatroP.

 

Richieste formali ed informali, tentativi di approccio falliti quelli degli operatori culturali cittadini con la triade commissariale, è stato spiegato. Una cappa di silenzio, è emerso, quella che avvolgerebbe i commissari straordinari sulla questione teatri. Sconosciute le motivazioni di inagibilità e i tempi tecnici per la riapertura. Il tutto mentre in quelle strutture sono collocati progetti, rassegne, eventi, anche finanziati dalla Regione Calabria. Progetti approvati in cui veniva indicato anche il luogo dello svolgimento e in alcuni casi concesso anche come cofinanziamento.

 

Il rischio è che le rassegne non si possano tenere e i soldi debbano essere restituiti. Una situazione kafkiana. Specie se si pensa che in alcuni casi il Comune di Lamezia Terme è anche capofila dei progetti. Oltre due milioni e mezzo di euro le risorse arrivate dalla Regione Calabria su Lamezia per eventi culturali. Otto infatti i progetti vincitori di bando. Un record regionale.

 

LEGGI ANCHE:

Lamezia, inagibili anche i teatri: chiusi due su tre

Lamezia, Alecci rassicura: «Il Grandinetti non chiuderà»

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Tiziana Bagnato
Giornalista
Lametina, laureata in Scienze della Comunicazione con indirizzo Giornalismo alla Lumsa di Roma, Tiziana Bagnato ha sempre affiancato la carta stampata all’ambito televisivo. Dopo aver lavorato nell’emittente regionale Calabria Tv e per diversi anni per il quotidiano Calabria Ora, poi L’Ora della Calabria, è approdata nell’emittente St Television e sul quotidiano Il Garantista di cui è ancora firma. 

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: