Indignati di Calabria e viabilità colabrodo, a Fabrizia bussano alla Procura

VIDEO | Le condizioni delle strede delle Serre vibonesi continuano a suscitare proteste e malumori. I cittadini decidono di rivolgersi direttamente alla magistratura  

di Agostino Pantano
20 agosto 2019
13:39
26 condivisioni

Detto fatto, a Fabrizia passano dalle parole ai fatti e “l’indignazione” – diventata nei mesi scorsi il propellente per la costituzione di un comitato – ispira ora anche un esposto presentato per denunciare la condiZone disastrosa della viabilità.
Gli indignati speciali”, così si chiamano i cittadini che avevano avviato anche una raccolta delle tessere elettorali minacciando di disertare le prossime scadenze – si rivolgono alla procura di Vibo Valentia sia per segnalare il costante pericolo per gli auomobilisti, sia una situazione che pregiudica la fruizione di diritti costituzionali quali quello alla Salute e all’istruzione, visto che i tempi di percorrenza rendono quasi irraggiungibili scuole e ospedali.
I cittadini ovviamente hanno informato di quest’altra forma di tutela anche le istituzioni, Regione e Provincia in testa, enti che fin qui hanno disertato tutti gli incontri promossi anche dei sindaci dell’area delle Serre. Il problema è avvertito anche dagli imprenditori, viste le difficoltà logistiche per le forniture, e in generale pregiudica anche le chance di un rilancio del turismo montano.
Il coinvolgimento della magistratura, in una regione come la Calabria dove ovunque si sprigionano focolai di indignazione, potrebbe rappresentare una nuova frontiera della protesta di cui devono certamente tenere conto i futuri candidati.
Intanto, proprio per venire incontro alle istanze del comitato di Fabrizia il prefetto Francesco Zito ha convocato un tavolo per il 28 agosto – precettando gli enti fin qui assenti e alimentando la speranza del Comitato di veder formata quella Conferenza dei servizi più volte auspicata. 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Agostino Pantano
Giornalista
Agostino Pantano, giornalista professionista, 43 anni, vive a San Ferdinando. È stato corrispondente dei quotidiani Gazzetta del Sud e Il Domani della Calabria. Dal 2006 al 2010 ha diretto la redazione di Gioia Tauro di Calabria Ora. Con altri colleghi, usciti dal giornale per contestare la linea editoriale, ha fondato Il Corriere della Calabria, un periodico e un sito on line per cui ha lavorato come redattore. Ha collaborato con Le Cronache del Garantista e L’Unità. Ha diretto il mensile A Sinistra e la Web Tv Pianainforma.   Dal 2010 al luglio 2016 è stato al centro di un caso giudiziario tra i più gravi nella storia del giornalismo italiano: processato due volte per la sua inchiesta sullo scioglimento per mafia del consiglio comunale di Taurianova, e in un caso per il reato di “ricettazione di notizie”, è stato assolto in entrambe le occasioni.   È componente del Consiglio nazionale dell’Unci (Unione nazionale cronisti italiani). È iscritto all’associazione “Articolo 21”. E’ laureato in Scienze Politiche con una tesi sulla storia del V° Centro siderurgico di Gioia Tauro.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio