Festa della Donna, a Cosenza fontane rosso sangue e messaggi antiviolenza (VIDEO)

Iniziativa di un anonimo gruppo di cittadine dell'area urbana contro l'escalation di femminicidi

di Salvatore Bruno
8 marzo 2018
09:51
Condividi

Questa mattina la città di Cosenza si è risvegliata con l’acqua delle fontane di Via Arabia colorata di rosso e con decine di messaggi contro la violenza di genere stampati ed affissi ai quattro angoli di Piazza Bilotti. Si tratta di una iniziativa organizzata, secondo quanto si legge in un comunicato, da un gruppo di cittadine dell’area urbana del capoluogo bruzio.

Tremila donne uccise negli ultimi diciotto anni

«In occasione della festa delle donne – si legge in una nota -abbiamo deciso di far svegliare il centro della nostra città vetrina con due azioni: le fontane di via Arabia sono diventate rosse come il sangue delle donne uccise per quello che, troppo spesso, è stato definito amore. La morte di una donna non fa neppure più scalpore. In Italia dal 2000 ad oggi sono tremila le vittime di femminicidio e in tre casi su quattro l'assassino era il loro partner. Nelle scuole e nelle università le tematiche di genere non vengono mai trattate, dai commissariati alle aule dei tribunali subiamo l’umiliazione di essere continuamente messe in discussione e di non essere credute, burocrazia e tempi d’attesa ci fanno pentire di aver denunciato. E’ altissima la percentuale delle donne uccise dopo aver denunciato le violenze ed essere state ignorate dalle istituzioni. Il femminicidio – è scritto ancora nel comunicato - non è raptus omicida, né fatalità, è la violenza di genere insediata nella forma mentis patriarcale ad uccidere. È la conseguenza più drammatica di tutte le forme di discriminazione, che annientano la donna nella sua identità.

Decine di frasi contro la discriminazione

Il secondo regalo sono le frasi affisse in Piazza Bilotti. Pensieri di donne che denunciano ciò che siamo costrette a vivere ogni giorno, frasi per gli uomini con cui siamo a contatto e per la società che rende queste discriminazioni possibili. Pensiamo che il primo passo per un'accurata riflessione sia la denuncia di ciò che viviamo per giungere all'abbattimento dello stato presente delle cose. Abbiamo il dovere morale di denunciare e combattere tutti i giorni la discriminazione di genere radicata nella società maschilista e patriarcale che proviene dai dettami del capitalismo. Ci vogliono sottomesse e sfruttate, ci vogliono carne da macello per pubblicità di intimo e soggetti da difendere nelle campagne elettorali. Questi brevi messaggi parlano di donne, del nostro ruolo all'interno della famiglia, camminando per strada, al lavoro, in qualsiasi contesto. L'8 marzo – si conclude la nota - è solo l'inizio, da semplice festa deve diventare anche un giorno per riflettere, per ricomporre una storia di genere, per arrivare ad analizzare i problemi che ogni giorno siamo costrette a vivere e per urlare ancora più forte che siamo pronte a riprenderci ciò che ci viene negato».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista
Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche. Inviato al seguito della delegazione della Regione Calabria al festival di Sanremo del 1997, ha lavorato per un biennio nell'ufficio stampa del Comune di Cosenza e curato la comunicazione della Commissione Riforme e decentramento e della Commissione contro la 'ndrangheta del Consiglio Regionale della Calabria. Curatore del progetto culturale "Sulle orme di Ulisse", realizzato in Sicilia, è stato inoltre radiocronista delle gare di serie B del Cosenza Calcio. Ha scritto sulle pagine di diversi quotidiani locali e nazionali, tra i quali Il Mattino, Leggo e il Corriere dello Sport. Come autore musicale ha vinto il Festival del Mare di Ancona nel 1993.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio