“Metamorfosi” incanta Cosenza tra arte, fotografia e moda

A caratterizzare la terza edizione di Art Fabrique, l’incrocio di diverse contaminazioni artistiche per promuovere e rilanciare il territorio calabrese

di Redazione
lunedì 9 settembre 2019
13:00
123 condivisioni

Grande successo per Art Fabrique “Metamorfosi”, la terza edizione della mostra targata Ania lilith Gallery, un evento che lega arte, fotografia e moda anticonvenzionale, svoltosi il 4 settembre scorso, presso il Chiostro di San Domenico di Cosenza. Promozione del territorio, dunque, attraverso fotografia d’esposizione, moda trasversale e performance: «Qualcosa dentro noi si sta trasformando. Diviene qualcosa che da sempre è destinato ad essere. Cambia la sostanza rendendo immutata l’essenza». Con queste parole Stefania Sammarro, art director dell’evento, parla della sua Art Fabrique e di come siano importante le contaminazioni legate alla fotografia di moda e all’arte in Calabria.

Art Fabrique

Art Fabrique arriva alla sua terza edizione: la prima factory di contaminazione delle arti visive, che arriva alle grandi realtà nazionali. Protagonista agli eventi di Alta Roma, mostre di successo e agli eventi di Milano fashion week.  Dopo il successo di “Rise” al Museo del Presente di Rende e “Revolution” al Festival del Leoncavallo di Montalto Uffugo, arriva la Metamorfosi con la presentazione del terzo catalogo. Quest’ultimo è un inno alla contaminazione dei luoghi e delle città calabresi attraverso la fotografia di moda e concettuale. Gli abiti sono inseriti in un contesto territoriale che diventa scena. La non posa delle modelle diventa teatro. La serata ha visto protagonisti le installazioni dell’atelier “Da Gianfranca”, dei gioielli d’artista di Valeria Cataudella, del vintage di Chiara Staropoli e degli abiti della stilista Vincenza Salvino. L’allestimento è stato curato dai partner dell’evento: Oasi Verde, Lanifici Leo e Katia Rovito Design. Gli abiti di Melina Baffa sono stati protagonisti del flash mob che si è svolto prima della serata finale, alla presenza di un ricco pubblico e giovanissimi, quando i riflettori si sono accesi sulla sfilata dello special guest, Filippo Laterza, dal titolo “L'evoluzione del Colore”. La metamorfosi nello spaccato della Capsule di Filippo Laterza è un trasformismo della sua collezione, pensato esclusivamente per l’evento nel Chiostro di San Domenico a Cosenza. Metamorfosi è trasformazione, trasformismo, cambiamento, modificazione dell’aspetto, del carattere, dall’atteggiamento.

I premi

Il premio Art Fabrique è stato consegnato al “best partner” Mad mood Milano fashion week, alla presenza del suo presidente e founder del progetto, Marianna Miceli. Dopo 4 anni di collaborazioni, Mad mood ha dato la possibilità a giovanissimi talenti del territorio calabrese di presentare le loro collezioni a Milano fashion week e anche nello showroom in Puglia, con base a Lecce. Mad mood è stato uno dei primi concept a credere del progetto di Art Fabrique e il sodalizio creatosi va oltre la collaborazione lavorativa e si fonda su un legame che unisce all'unisono il nostro sud per il talento vero.  Per la sezione “Click Photographer” è stato premiato Valerio Baldari: il suo progetto è stato scelto tra i diversi proposti dagli studenti del corso di Fotografia italiana del Dams, dell’Università della Calabria. La sua fotografia dedicata al Ponte di S. Francesco di Paola-Calatrava racconta in maniera esaustiva, del tutto particolare e impersonale, una visione nuova del ponte e di quello che ruota intorno ad esso. Per la sezione “fashion designer” è stata premiata la stilista Gabriella Santelli. Dopo le numerose collaborazioni con Art Fabrique è stata scelta per il suo talento e la sua voglia di rappresentare con uno stile unico e nuovo le sue visioni attraverso capi sempre originali e articolati. Conosciuta attraverso l'Accademia New Style di Franca Trozzo, Gabriella ha realizzato per questa edizione l'abito "Metamorfosi" inserito all'interno delle pagine del nuovo catalogo. Rappresenta al meglio lo stile, l'eleganza e l'elite che Art Fabrique ricerca nei giovani talenti. Per la sezione “Mua” il riconoscimento è stato dato a l’Ame Academy, accademia di Cosenza che con i suoi truccatori e parrucchieri ha curato il look delle modelle in passerella.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream