Un laboratorio chimico “fantasma” a Verbicaro, la minoranza interroga il sindaco

L'inaugurazione è avvenuta nel 2018 ma lo studio non sarebbe mai entrato in funzione. Il progetto fa parte del Pit 1 - alto Tirreno consentino, il piano integrato che si avvale dei fondi europei e si propone di avviare un programma di investimenti a zona

di Francesca  Lagatta
24 ottobre 2019
18:37
101 condivisioni

Doveva essere un'eccellenza, tanto da ritagliarsi un posto al sole nel panorama mondiale delle analisi chimiche e fisiche per il controllo e la salubrità degli alimenti, e invece del laboratorio promotore dell'innovativo protocollo Nhaccp inaugurato a Verbicaro nel maggio 2018, non si è più vista nemmeno l'ombra. Per questo, i consiglieri comunali di minoranza, Felice Amoroso e Arturo Riccetti, hanno richiesto al Comune di Verbicaro le copie degli atti amministrativi che ricostruiscono l'intera vicenda e protocollato una interrogazione a risposta scritta, nella speranza di fare luce e fugare ogni dubbio.

La vicenda

Il Pit 1 - alto Tirreno cosentino (Piano integrato territoriale) ha sede nel Comune di Verbicaro ed è presieduto dal sindaco della cittadina, Francesco Silvestri. Tramite bando, il Pit ha assegnato l'appalto per la realizzazione di un laboratorio chimico di protocollo Nhaccp alla società Icq Nhaccp Scarl, il cui presidente risulta Aniello Di VuoloNhaccp è l'acronimo di Nutrient hazard analysis and critical control point ed è il successore del già noto protocollo Haccp. La novità è che grazie alla genomica, è possibile certificare i parametri qualitativi degli alimenti, anche agricoli, e gli elementi tali da garantire l'origine dei prodotti in un dato territorio. Lo studio era stato inaugurato in contrada San Francesco nei locali di Calabria Verde, ex Comunità montana, ma da allora, secondo la denuncia di Amoroso e Riccetti, non è mai entrato in funzione ed ad oggi risulta chiuso. La Icq Nhaccp Scarl, come si legge sul sito, ha la sede legale a via Amando Diaz a Napoli, mentre contrada San Francesco a Verbicaro è indicata come sede operativa.

La fondazione

I due consiglieri comunali di opposizione, inoltre, chiedono al sindaco Francesco Silvestri di sapere se è a conoscenza del fatto che «nei locali assegnati, Di Vuolo ha costituito, pertanto come sede legale, una fondazione governativa denominata "Its Bact" di cui Di Vuolo è presidente. Tale sede pare sia stata realizzata per partecipare al Psr - misura 2 (servizi di consulenza, di sostituzione e di assistenza alla gestione delle aziende agricole, ndr) della Regione Calabria». Il primo cittadino verbicarese ora dovrà rispondere per iscritto alle domande poste dall'opposizione.

Francesca  Lagatta
Giornalista

Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalis...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio