La strage di Pizzinni e le ammissioni di Leone Soriano ad Andrea Mantella

Il ruolo di Nazzareno Pugliese arrestato per usura nell’operazione “Rinascita Scott” e già coinvolto nel fatto di sangue costato la vita a due bambini

di G. B.
11 gennaio 2020
19:24
127 condivisioni
Leone Soriano
Leone Soriano

Si prova a far luce anche sulla strage più efferata nella storia criminale del Vibonese e per la quale - a distanza di poco meno di quaranta anni - nessuno ha ancora pagato i conti con la giustizia. Gli investigatori della poderosa inchiesta “Rinascita-Scott” rimettono infatti in fila i “tasselli” della “strage di Pizzinni”, costata il 24 ottobre 1982 la vita a due bambini innocenti: Bartolo Pesce di 14 anni e Antonio Pesce di soli 10 anni.

Altre quattro persone rimasero invece ferite a causa dell’esplosione nella frazione di Filandari. Per quella strage ci fu anche un processo, che registrò però l’assoluzione degli imputati. Il sospetto – rimasto tale in assenza di verità giudiziarie – è che i Mancuso di Limbadi avessero ordinato di collocare una bomba sotto la finestra dei fratelli Soriano, già all’epoca ritenuti ingestibili dagli altri clan e quindi da eliminare. L’ordigno esplosivo venne però collocato sotto la finestra sbagliata provocando la morte di due bambini.

Le dichiarazioni di Mantella

A riaprire le “pagine” di quel terribile episodio criminale è il collaboratore di giustizia, Andrea Mantella, nel corso del sedicesimo verbale di interrogatorio reso l’8 settembre 2016 dinanzi ai carabinieri del Ros ed ora divenuto conoscibile grazie all’operazione “Rinascita-Scott”.

«Con riferimento alla zona di Filandari ricordo l’episodio che ha coinvolto due bambini rimasti uccisi. Questa cosa – ha dichiarato Mantella – l’ho saputa dagli altri soggetti appartenenti al mio clan e dallo stesso capo Carmelo Lo Bianco, detto Piccinni. Io sapevo che la bomba era stata collocata da Peppe Mancuso, detto ‘Mbrogghja”, e da Nazzareno Pugliese di San Costantino Calabro per colpire alcuni soggetti della famiglia Soriano. Invece rimasero uccisi i due bambini».

«La cosa mi è stata raccontata nel carcere di Catanzaro-Siano, al terzo piano, lato destro, da Leone Soriano, il quale ammise di aver commesso la leggerezza di fare confidenze alle forze dell’ordine su quanto accaduto. Mi disse che effettivamente erano responsabili i due, Peppe Mancuso e Nazzareno Pugliese, cosa che io già sapevo, e mi disse anche che i Soriano davano la caccia a Nazzareno Pugliese, che si era chiuso a casa per non essere ucciso e questo avveniva fino almeno al 2004. Ho saputo – aggiunge Mantella – che i responsabili sono stati poi assolti pur essendo colpevoli. Non so dire se in questa vicenda sia coinvolto il collaboratore Servello».

L’ordigno esplosivo usato per la “strage di Pizzinni” era composto da un tubo di ferro contenente circa 700/800 grammi di gelatina esplosiva collocato in un’abitazione attigua a quella di Giuseppe Soriano (cl.’35), padre dei fratelli Carmelo, Leone, Gaetano, Domenico, Roberto, Alessandro e Francesco Soriano.

«Gli autori del reato non ottennero il risultato da loro voluto, ovvero l’uccisione dei membri del clan Soriano – evidenziano gli inquirenti dell’operazione “Rinascita-Scott” – causando invece la morte dei fratelli Pesce, due innocenti dimoranti proprio nei pressi di quell’abitazione».

La ricostruzione della dinamica del terrificante evento permise infatti di accertare che la bomba, di devastante potenza, era stata erroneamente collocata dai criminali all’esterno dell’abitazione di Cichello Maria Rosa, sita al civico 8 di via Deodato, attigua a quella dei Soriano, residenti nell’immobile sito al civico 4, subito individuati quali destinatari dell’attentato.

Le dichiarazioni di Leone Soriano

Le risultanze investigative dell’epoca - private del fondamentale apporto collaborativo di Angiolino Servello che nel 2005 si è autoaccusato della strage rivelandone retroscena e movente (anche lui concorde nell’indicare i Mancuso quali mandanti della bomba contro i Soriano) - si fondarono sulle dichiarazioni di Leone Soriano, il quale (come ricordano ora gli investigatori dell’operazione “Rinascita”) indicò «quali responsabili i pregiudicati Mondella Francescoantonio di Francica e Vinci Michele di San Gregorio, riconducendo il movente del grave delitto ad una serie di ripetuti contrasti sorti precedentemente con i predetti, che lo avevano accusato, a suo dire ingiustamente, di alcuni furti». 

«In quelle dichiarazioni, Leone Soriano precisò che i rapporti con i due uomini (Vinci e Mondella) si erano definitivamente deteriorati a causa di un episodio avvenuto nello stesso mese a San Gregorio d’Ippona, dove Soriano Carmelo, fratello di Leone, fu aggredito da Mondella, da Vinci e da altri individui (identificati successivamente in Pugliese Nazzareno e Razionale Saverio) al fine di indurlo a confessare alcuni furti commessi dagli appartenenti alla sua famiglia. Il movente della strage, ricompreso nella misura cautelare dell’epoca, individuò nella “competenza territoriale” criminale e nello sconfinamento senza autorizzazione operato dai Soriano la motivazione posta alla base del collocamento dell’ordigno esplosivo».

Pino Scriva e le assoluzioni

Le indagini dell’epoca si conclusero con l’individuazione dei presunti responsabili della strage di Pizzinni in Michele Vinci, Francesco Antonio Mondella e Nazzareno Pigliese, nonché successivamente, di Giuseppe e Luigi Mancuso, indicati quali mandanti. Il provvedimento restrittivo venne supportato anche dalle dichiarazioni rese da Pino Scriva di Rosarno (primo collaboratore di giustizia della ‘ndrangheta) il quale coinvolse nei fatti anche la “famiglia” Accorinti di Zungri, evidenziando come gli stessi fossero stati messi a conoscenza della pianificazione dell’attentato condividendo con i mandanti i sentimenti di astio nei confronti dei Soriano.

In sede giudiziaria, però, il processo per la “strage di Pizzinni” non ha retto e si è registrata l’assoluzione per tutti gli imputati dell’epoca. Le dichiarazioni di Andrea Mantella, unite a quelle di Angiolino Servello, ma anche le dichiarazioni rese il 12 maggio 2011 da Bruno Fuduli (ex infiltrato dei Ros nell’operazione “Decollo” contro il narcotraffico internazionale e che il 18 novembre scorso si è tolto la vita) - che ha pure lui indicato il medesimo movente ricordando le confidenze che gli fece sul caso il broker della cocaina, Vincenzo Barbieri (ucciso nel 2011 a San Calogero) - potrebbero ora portare alla riapertura del caso.

Nazzareno Pugliese arrestato per usura

Di certo, una delle persone indicate all’epoca, ed anche adesso dalle dichiarazioni di Andrea Mantella, come coinvolto nella “strage di Pizzinni”, è stato ora arrestato nell’operazione “Rinascita-Scott” con l’accusa di usura aggravata dal metodo mafioso. Si tratta di Nazzareno Pugliese, 71 anni, di San Costantino Calabro, accusato del reato di usura in concorso con Giovanni Giamborino di Piscopio (a sua volta arrestato per associazione mafiosa e ritenuto strettamente legato ai boss Luigi Mancuso e Saverio Razionale) ed anche di usura ai danni dello stesso Giamborino.

In tale ultimo caso, Nazzareno Pugliese avrebbe agito in concorso con Giuseppe Mercatante, 52 anni, di San Costantino Calabro (anche lui arrestato), imprenditore della Emmedil, ditta avente ad oggetto il commercio e la vendita di materiali da costruzioni. Nazzareno Pugliese e Giuseppe Mercatante sono poi accusati anche del reato di riciclaggio avendo trasferito nel 2017 i soldi provento dell’usura ai danni di Giovanni Giamborino nella società Emmedil srl amministrata da Mercatante.

Su Nazzareno Pugliese, detto “U Cuverta” o “compare Neno”, condannato il 14 settembre 2018 a 3 anni per usura dal Tribunale di Vibo Valentia nell’ambito dell’operazione “Business Cars”, il collaboratore di giustizia Andrea Mantella ha infine dichiarato: «Nazzareno Pugliese è il capo società di San Costantino Calabro, grande usuraio insieme ai Cilurzo di Vena, ed amico dei Fiarè-Giofrè-Razionale e dei Mancuso». Un personaggio, quindi - Nazzareno Pugliese - sul quale si sono riaccesi i "riflettori", in attesa che anche sulla strage di Pizzinni si arrivi a punire mandanti ed esecutori materiali.

G. B.
Giornalista

Giuseppe Baglivo è stato collaboratore del quotidiano Calabria Ora dal settembre 2006 ad agosto 2007.


Redattore e responsabile della cronaca giudiziaria del quotidiano Calabria...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio