Strage nelle gole del Raganello. I punti chiave dell’inchiesta della Procura

L’ordinanza del Comune di Civita risalente al 1997 non rispettata, la delibera di febbraio 2018 che non ha avuto corso, la presunta assenza di controlli in seno al Parco del Pollino, l’allerta meteo ignorata, le presunte responsabilità di guide ed escursionisti. A breve potrebbero esserci i primi indagati

di P. C.
22 agosto 2018
10:06
41 condivisioni

Il mancato rispetto di un’ordinanza in vigore dal 1997 al Comune di Civita che pone precise indicazioni sui protocolli di sicurezza da rispettare nell’accesso alle gole del Raganello. La delibera – incapace di produrre i suoi effetti non avendo completato il suo iter, ha spiegato ieri lo stesso ministro dell’Ambiente Sergio Costa – con cui il Comune di Civita intende regolamentare l’accesso alle gole e renderle, appunto, “Gole sicure”. E poi i presunti mancati controlli in seno all’ente parco, la presenza di “guide non autorizzate” in quell’area. La presunta inerzia dopo l’allerta meteo lanciato dalla Protezione civile. Infine la parte più dolorosa: le presunte responsabilità di chi si è addentrato, quel giorno maledetto, all’interno del canyon.
Sono questi i punti chiave – dopo aver acquisito carteggi e prime testimonianze – attorno ai quali si muove la Procura di Castrovillari guidata da Eugenio Facciolla che, come scrive stamani sul Quotidiano del Sud Paolo Orofino, nell’arco delle prossime quarantotto ore potrebbe operare le prime iscrizioni sul registro degli indagati e spiccare i primi provvedimenti di garanzia dopo la strage provocata dalla piena del Raganello. Il fascicolo è aperto per omicidio colposo plurimo, lezioni colpose, inondazione e omissioni d’atti d’ufficio. Come ha spiegato lo stesso ministro Costa, bisogna capire chi doveva fare cosa e non ha fatto. Perché l’Italia è stanca di piangere morti ed è stanca di una classe dirigente che rifugge dalle proprie responsabilità.

 

LEGGI ANCHE:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

P. C.
Giornalista

Pietro Comito, che ha iniziato la propria carriera professionale a Rete Kalabria e Radio Onda Verde, è stato redattore del Quotidiano della Calabria dal 2002 al 2005, quindi dal 2006 al 2012...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio