A Soverato la base per lo spaccio di droga della cosca Gallace gestito con l’impiego di minori

VIDEO-NOMI | Emesso un provvedimento di fermo a carico di 24 persone responsabili di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti aggravata dal metodo mafioso, reato commesso con l’impiego di minorenni, di porto illegale di armi da fuoco, favoreggiamento, furto aggravato

di Redazione
lunedì 24 giugno 2019
11:20
101 condivisioni

24 complessivamente le persone raggiunte da un fermo di indiziato di delitto e considerate facenti parti di un sodalizio legato alla cosca di ‘ndrangheta Gallace. Sequestrati anche beni per oltre mezzo milione di euro. È questo l’esito dell’operazione scattata questa mattina, in provincia di Catanzaro, Reggio Calabria e Milano, condotta dai Carabinieri della Compagnia di Soverato, supportati da quelli del Nucleo investigativo del Comando provinciale di Catanzaro e dei reparti territorialmente competenti, con la collaborazione dello Squadrone Eliportato Carabinieri Cacciatori, del Nucleo Cinofili e del Nucleo Elicotteri di Vibo Valentia, coordinati dalla Procura della Repubblica di Catanzaro - Direzione distrettuale antimafia, diretta da Nicola Gratteri. Gli indagati sono ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico di stupefacenti aggravata dal metodo mafioso, dall’ingente quantitativo e dall’aver indotto a commettere il reato minorenni, di detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti, di porto illegale di armi da fuoco, favoreggiamento, furto aggravato ed altro.

I fermati

I provvedimenti di fermo hanno colpito, in particolare, Vincenzo Aloi, 24 anni, di Guardavalle; Concetta Battaglia (51) di Soverato; Raffaele Campagna (50), di Soverato; Agazio Geracitano (20) di Guardavalle; Ozan Kanat (24) di Soverato; Mauro Masciari (25) di Davoli; Gianluca Meliti (24) di Soverato), Giuseppe Notaro (32) di Davoli; Pietro Procopio (31) di Davoli; Adriano Larry Rizzo (27) di Soverato; Andrea Lucio Rizzo (24) di Soverato: Giulio Moreno Rizzo (37) Soverato; Ettore Rositani (31) di Montauro; Simone Rocco Russomanno (23) di Soverato; Teklehaimanot Tsegay (33) di Milano; Paola Vaccaro (26) di Montepaone; Antonio Bressi (32) di San Sostene; Francesco Galati (42) di Guardavalle; Antonio Grande (44) di Isca sullo Ionio; Vincenzo Longo (29) di Isca; Leonida Montagna (50) di Soverato; Orlando Giacomo Screnci (51) di Soverato); Annalisa Tortorelli (38) di San Sostene; Moreno Tortorelli (45) di San Sostene.

Le indagini

L’indagine è stata avviata dopo il rinvenimento di un bidone contenente un notevole quantitativo di sostanza stupefacente, avvenuto nella periferia di Soverato nel marzo 2017, nell’ambito di un servizio di controllo del territorio messo in atto dai carabinieri. Le investigazioni hanno permesso di documentare la gestione organizzata dell’attività di spaccio (cocaina, hashish e marijuana) da parte del sodalizio, con base operativa nel Soveratese e con proiezioni in altre realtà nazionali ed estere, e che aveva come leader il suddetto Vincenzo Aloi, nipote di Vincenzo Gallace, capo dell’omonima cosca di ‘ndrangheta radicata a Guardavalle. Oltre a rifornire l’area del Soveratese, le indagini hanno evidenziato la capacità degli indagati far arrivare importanti quantitativi di cocaina anche nelle più competitive piazze di spaccio del milanese e del maceratese.    

 

Nel corso delle indagini, sono state tratte in arresto in flagranza di reato ulteriori 7 persone, sequestrando oltre 2 chilogrammi di stupefacente di vario genere (cocaina, hashish e marijuana) e un’arma clandestina con le relative munizioni.

 

Inoltre, sono state registrate transazioni economiche inerenti ai traffici illeciti poste in essere dagli indagati per oltre mezzo milione di euro, da cui è scaturita l’emissione di un decreto di sequestro preventivo per pari importo. I beni sottratti alla disponibilità degli indagati sono un esercizio commerciale, un capannone industriale, una barca, un appartamento, 4 autovetture, 16 conti correnti e depositi postali.

 

Nella mattinata odierna, all’esito delle perquisizioni domiciliari, sono stati tratti in arresto in flagranza di reato due degli indagati, poiché trovati in possesso di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, marijuana e hashish, e oltre 10mila euro in contanti. 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: