Senza soldi per comprare un letto, bambini costretti a dormire per terra

Dramma della povertà a Cosenza denunciato dall'associazione Sostegno Amico: «Abbiamo potuto donare loro due lettini a castello per sognare un futuro migliore»

di Salvatore Bruno
29 luglio 2019
13:24
49 condivisioni

Dormivano a terra perché troppo poveri per permettersi un letto. A quattro bambini sono stati consegnati due lettini a castello dove poter riposare e sognare un domani migliore. È successo a Cosenza grazie al progetto Risposta, rete integrata di contrasto alla povertà, promosso dall’associazione Sostegno Amico, e sostenuto dalla Fondazione Con il Sud con la partecipazione di altre sette realtà sociali: ALT - Associazione Lotta Tumori, Arcifisa, Associazione Franco Loise, Associazione Rosanna Spina Vestire gli Ignudi, Auser Cosenza, Banco Alimentare Calabria, Cooperativa Don Bosco.

Visite mediche e kit per la scuola

L’obiettivo di Risposta è far uscire dall’emarginazione sociale le persone in condizione di povertà. Il progetto ha l'obiettivo di sostenere almeno 300 soggetti indigenti cui destinare, innanzitutto, servizi di prima necessità quali cibo e abbigliamento e di e avviare percorsi di sostegno psicologico e professionale, con supporto ed orientamento al lavoro. Al momento sono state prese in carico 158 persone. 17 le visite mediche e specialistiche effettuate di tipo odontoiatrico, oculistico, ortopedico e 80 gli utenti orientati al lavoro. In vista della stagione autunnale sono in programma acquisti di kit per la scuola e di scarpe e giubbini per donne, bambini e ragazzi.

La rete sociale innovativa

«La normativa prevede oggi innumerevoli forme di sostegno per le famiglie bisognose – ha dichiarato Sergio Principe, presidente di Sostegno Amico – pensiamo al REI, al SIA, al reddito di cittadinanza. Risposta è, invece, il privato sociale che si organizza e che porta concretezza laddove i percorsi istituzionali non arrivano. E poi rappresenta anche la capacità di attrarre risorse sul territorio». Grazie al progetto - si legge in una nota - è stato possibile acquistare un materasso da donare ad una famiglia per il proprio bambino e un defibrillatore da utilizzare in una palestra frequentata da donne sottoposte a cure chemioterapiche. L’idea innovativa del progetto è che i beneficiari non sono fruitori passivi dei servizi, ma entrano a far parte attivamente della rete di sostegno. Essenziale è, inoltre, il ruolo dei partner, vere e proprie antenne sociali sul territorio che hanno il compito di individuare persone e famiglie in stato di difficoltà e di mettere a disposizione il proprio know how.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Salvatore Bruno
Giornalista

Giornalista e reporter televisivo da oltre vent'anni, ha maturato una lunga esperienza nella comunicazione istituzionale occupandosi dei rapporti con la stampa di diverse figure politiche.

...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio