Gestione opaca e dipendenti in odor di mafia. Ecco perché l'Asp di Catanzaro è stata sciolta

La relazione redatta dal prefetto Francesca Ferrandino che ha portato allo scioglimento dell'Azienda sanitaria provinciale del capoluogo. Centrale risulta l'operazione Quinta bolgia

di Luana  Costa
8 ottobre 2019
22:30
12 condivisioni

"Le attività d'indagine, richiamate nella relazione del prefetto, hanno fatto emergere che l'ultima gara per l'affidamento del servizio sostitutivo delle ambulanze del 118, regolarmente bandita ed aggiudicata, risale al 2009 allorquando il servizio venne affidato, per un anno, ad una società riconducibile ad uno gruppo imprenditoriale, che ha continuato a gestirlo fino ad ottobre 2017, data in cui è stata destinataria di un provvedimento interdittivo antimafia. I vertici dell'azienda sanitaria infatti, anzichè programmare ed indire una nuova gara prima della scadenza prevista, hanno permesso - sulla base di continue proroghe illegittime ed in alcuni casi addirittura tacite - che la società continuasse a gestire il servizio".

Sono in parte queste le motivazioni che hanno portato allo scioglimento dell'Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro, accolte nel decreto firmato dal ministro dell'Interno Luciana Lamorgese e pubblicate oggi in Gazzetta Ufficiale. Per ampi stralci la relazione firmata dalla titolare del Viminale fa riferimento all'operazione istruita dalla Direzione distrettuale antimafia di Catanzaro "Quinta Bolgia" che nei fatti aveva certificato gli intrecci pericolosi esistenti tra la criminalità organizzata lametina e di servizi sanitari nevralgici quali, ad esempio, la gestione delle ambulanze del 118.

Dipendenti in odor di mafia 

Ma la commissione d'accesso antimafia inviata dal prefetto, Francesca Ferrandino, all'indomani dell'inchiesta ha setacciato documento per documento tutti gli uffici dell'Asp: "Ha proceduto anche ad effettuare gli opportuni accertamenti sul conto del personale dipendenti dell'Asp di Catanzaro: compresi i presidi sanitari di Lamezia Terme, Soverato e Soveria Mannelli. Nell'ambito di tale verifica effettuata a campione (dato l'elevato numero di unità di personale circa 2000 tra rapporti a indeterminato e determinato) sono stati evidenziati i nominativi del personale nei cui confronti sono stati riscontranti precedenti e o pendenze penali e o segnalazioni di polizia attinenti a reati connessi contro la pubblica amministrazione. Tra questi vi sono anche quelli di particolare rilevanza contro il patrimonio nonchè quelli che destano particolare allarme sociale nonchè il personale con rapporti di parentela o affinità con soggetti legati criminalità organizzata".

Affidamenti ad aziende "di spessore"

"Tra la documentazione richiesta e acquisita dalla commissione d'accesso rientra anche l'elenco completo di tutti i fornitori dell'azienda provinciale di Catanzaro. La disamina dei soggetti ha evidenziato come nell'elenco compaiano sia alcuni destinatari di informazione interdittiva antimafia sia società e persone fisiche meritevoli comunque di attenzione in ragione della conoscenza di elementi informativi e relazionali considerati "di spessore". Inoltre, dalla documentazione fornita dall'Asp relativamente ai rapporti intrattenuti con le persone giuridiche e fisiche facenti parte dell'elenco è emerso il generalizzato ricorso al sistema degli affidamenti diretti senza lo svolgimento di alcuna procedura di gara. Alcune ditte incaricate sempre per le stesse tipologie di lavori sono risultate destinatarie di informazioni interdittive antimafia mentre per altre sono emersi precedenti penali e di polizia a carico dei rispettivi titolari nonchè frequentazioni con soggetti di interesse investigativo. Tra l'altro nelle varie determine adottate i diversi rup non forniscono quasi mai compiutamente conto delle ragioni, in ordine logico fattuale e giuridico, poste a fondamento della scelta di un operatore a discapito di un altro".

Gestione opaca e approssimativa

"Da quanto emerge dalla relazione d'accesso - prosegue il prefetto - gli elementi acquisiti valutati nel loro complesso fanno ritenere concreto e attuale il pericolo di infiltrazione mafiosa dell'ente. Infiltrazione favorita nel corso degli anni anche e soprattutto dalle evidenti disfunzioni e anomalie che ne hanno caratterizzato la gestione amministrativa. L'amministrazione dell'Asp è tendenzialmente opaca, approssimativa, con diverse anomalie gestionali e procedurali, alcune delle quali hanno favorito direttamente imprese riconducibili ad ambienti di criminalità organizzata. Dall'istruttoria esperita emergono elementi chiari e concordanti di collegamento e condizionamento mafioso, tali da determinare un'alterazione del procedimento di formazione della volontà degli organi amministrativi dell'ente e comprometterne il buon andamento, il regolare funzionamento degli uffici e dei servizi ai cittadini".

 

LEGGI ANCHE:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Luana  Costa
Giornalista
Laureata con il massimo dei voti in Scienze della Comunicazione e della Conoscenza all’Università degli studi della Calabria di Cosenza, già a partire dall’anno successivo dal conseguimento dalla laurea intraprende l’attività giornalistica. Risalgono alla primavera del 2012 i primi articoli pubblicati sulle colonne della pagina catanzarese della Gazzetta del Sud, testata sotto la cui ala inizia a prendere confidenza con la professione. Con il trascorrere degli anni passa dai resoconti delle conferenze stampa e dei convegni alla realizzazione di inchieste su temi specifici quali sanità, rifiuti, politica, società municipalizzate e vertenze sindacali. La collaborazione è tuttora attiva.   Nel luglio del 2015 ottiene l’abilitazione allo svolgimento della professione certificata dall'iscrizione al relativo albo regionale dei giornalisti pubblicisti. A partire da gennaio del 2016 e fino al febbraio del 2017 è stata corrispondente da Catanzaro del quotidiano online Zoom24 con sede a Vibo Valentia. Oltre ad allagare le competenze anche alla sfera della cronaca, l’esperienza è risultata utile ai fini dell’apprendimento del sistema editoriale (Wordpress) e del confezionamento di notizie indirizzate ad una realtà più immediata e dinamica qual è il web.   Nel giugno del 2016 stringe una nuova collaborazione con la casa editrice Golfarelli con sede a Bologna, che cura la pubblicazione di periodici e riviste di settore. L’attività che tuttora svolge consiste nella redazione di testi e nella preparazione di interviste capaci di far emergere realtà imprenditoriali di successo nel panorama nazionale.
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio