Scarcerazione Lucano, la discussione al Riesame: «Voglio essere una persona libera»

VIDEO | Il sindaco di Riace è giunto a Reggio Calabria dove sarà valutata l'istanza di revoca degli arresti domiciliari ai quali il primo cittadino è sottoposto dal 2 ottobre scorso per favoreggiamento dell'immigrazione. Poco dopo è arrivata anche Tesfahun Lemlem, compagna del primo cittadino, a sua volta indagata

di Redazione
martedì 16 ottobre 2018
08:54
10 condivisioni
Il sindaco Lucano
Il sindaco Lucano

Il sindaco di Riace, Domenico Lucano, è giunto di buon mattino negli uffici del Tribunale del Riesame di Reggio Calabria, dove stamani sarà discussa l'istanza di revoca degli arresti domiciliari ai quali il primo cittadino è sottoposto dal 2 ottobre scorso per favoreggiamento dell'immigrazione e abuso d'ufficio. Accompagnato dal suo avvocato, Andrea Daqua, ed atteso dai giornalisti, Lucano è passato senza rilasciare tante dichiarazioni. Ai presenti ha detto: «Voglio essere una persona libera. Se devo parlare parlo ma parlerà principalmente il mio avvocato». Un sit-in di solidarietà è previsto per le 17 davanti alla sede della Prefettura della città calabrese dello Stretto.

A Reggio giunta anche la compagna del sindaco

In Tribunale è arrivata anche Tesfahun Lemlem, compagna del primo cittadino. La donna è a sua volta indagata e sottoposta ad un divieto di dimora nella cittadina calabrese, nota per il suo modello d'accoglienza e di integrazione dei cittadini extracomunitari. Tesfafum Lemlem, che ha presentato a sua volta istanza di revoca del provvedimento, ha raggiunto gli uffici giudiziari poco dopo il sindaco.

 

LEGGI ANCHE:
Caso Riace, domani Lucano potrebbe tornare in libertà
Riace, il papà di Lucano: «Mimmo sempre leale e altruista»

Caso Riace, Lucano: «Rifarei tutto quello che ho fatto»

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream