Praia, le soluzioni tampone per evitare chiusura del pronto soccorso

Turni speciali con i camici bianchi del reparto di Medicina generale e trasferimento di pazienti in altri presidi. La direzione sanitaria si è mobilitata per scongiurare lo stop a giugno. Duro intervento della Cgil che sollecita maggiore attenzione al problema

di Francesca  Lagatta
domenica 26 maggio 2019
15:41
85 condivisioni
L’entrata del pronto soccorso di Praia a Mare
L’entrata del pronto soccorso di Praia a Mare

Il pronto soccorso dell'ospedale di Praia a Mare nel mese di giugno rischia seriamente di chiudere nelle ore notturne a causa della grave carenza di personale. Lo avevamo già rivelato nelle settimane addietro e qualche giorno fa l'indiscrezione ha preso forma su atti e documenti inviati all'Asp di Cosenza. La situazione è precipitata anzitempo quando, per motivi personali e professionali, al punto di primo intervento si sono assentati contemporaneamente 3 medici su 4. Per questo si era pensato addirittura di dover anticiparne la chiusura, dal momento che un solo medico non può in nessun modo mandare avanti da solo un intero reparto, coprendo turni di 24 ore. Ma chi ha a cuore le sorti di quel presidio, sa che non bisogna cedere il passo e ha cercato di porre rimedio, sa che una chiusura "momentanea" si sarebbe trasformata inevitabilmente nella morte cerebrale di quel reparto, che comunque al momento non può considerarsi scongiurata.

Le disposizioni

La patata bollente è passata nelle mani del direttore della struttura sanitaria, Vincenzo Cesareo, che ha organizzato i turni al pronto soccorso investendo anche i medici della Medicina generale, cercando una soluzione che potesse in qualche modo risultare tollerabile per tutti. «Visto che dalla direzione strategica dell'Asp di Cosenza, nonché dal commissario alla sanità calabrese (Saverio Coticelli, ndr) non è mai pervenuta alcuna risposta - scrive Cesareo in riferimento alla carenza di personale -, preso atto della momentanea situazione di emergenza in cui versa il servizio di pronto soccorso del presidio ospedaliero di Praia a Mare, si dispone, al fine di garantire l'assistenza adeguata ai cittadini e la giusta tutela degli operatori in servizio, quanto segue: che gli operatori del pronto soccorso dovranno chiamare, in caso di emergenza, in medici in servizio alla Uoc di Medicina generale; che i medici della Medicina Generale prestino la propria opera, in caso di emergenza, al pronto soccorso del presidio ospedaliero dalle ore 8.00 alle ore 20.00 del 24.05.2019 e dalle ore 8.00 alle ore 14.00 del 25.05.2019; che il dott. *** svolga il turno dalle ore 14.00 alle ore 20 del 25.05.2019 e dalle ore 8.00 alle ore 14.00 del 26.05.2019».

Il trasferimento in altri presidi

Laddove è possibile, è specificato ancora nella nota, laddove gli operatori sanitari non riusciranno a far fronte alle richieste e alle esigenze dei pazienti, «durante i turni notturni del 24, 25, 26 e 27 maggio, con l'ausilio degli anestesisti presenti in pronto soccorso e durante il turno 14.00-20.00 del 26.05.2019, i pazienti dovranno essere trasferiti qualora ci siano i requisiti al pronto soccorso dello spoke Cetraro-Paola». 

L'appello al prefetto

In ultimo, si legge nella medesima nota di servizio, «al signor prefetto di Cosenza si chiede un incontro urgente per meglio evidenziare il grave stato di criticità». La necessità di chiedere incontrare la dottoressa Paola Galeone nasce dal fatto che, nonostante gli sforzi di questo giorni, le criticità permangono e il rischio di chiusura nelle ore notturne rimane ancora alto, soprattutto in vista dell'imminente stagione estiva, che nella zona dell'alto tirreno cosentino fa registrare un vertiginoso aumento della popolazione.

Il duro intervento della Cgil

Sui fatti è intervenuto anche il sindacato della Cgil Pollino-Sibaritide-Tirreno. «La Cgil - hanno riferito gli esponenti alla nostra redazione - già negli anni scorsi ha presentato più esposti per denunciare la negazione dei Livelli Essenziali di Assistenza. In questo quadro emergenziale servono quelle risposte emergenziali che non arrivano nonostante i roboanti annunci. Di questo passo sul Tirreno resteranno le insegne degli ospedali e ambulanze vuote. Come chiede la Cgil, serve un tavolo regionale con la struttura commissariale per affrontare ogni emergenza e garantire ovunque il diritto alle cure, ancor più in quelle località turistiche dove presto crescerà la domanda. Della sanità di carta fatta di annunci e decreti non se ne può più. I cittadini ed i lavoratori della sanità attendono risposte concrete che, quanti hanno responsabilità di governo devono assicurare ora, non dopo che accadono le tragedie».

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: