Omicidio Parretta, il Comune di Crotone pagherà le spese del funerale

Il sindaco Ugo Pugliese ha incontrato la madre di Giuseppe, Katia Villirillo, ed ha assicurato davanti le telecamere de “Le iene” che quanto dovuto sarà saldato dall'ente comunale

di Giuseppe Laratta
sabato 28 luglio 2018
14:24
6 condivisioni

Il Comune di Crotone ha assicurato il pagamento delle spese del funerale di Giuseppe Parretta, il 18enne ucciso lo scorso gennaio nella sede dell'associazione Libere Donne, nel centro storico cittadino. E' quanto è emerso da un incontro chiarificatore tra il sindaco Ugo Pugliese e la madre del giovane, Katia Villirillo, davanti gli impresari delle pompe funebri che hanno seguito il rito e le telecamere della trasmissione di Italia Uno “Le iene”, arrivate nel capoluogo pitagorico per un servizio incentrato su questa storia, firmato da Filippo Roma.

Come pubblicato anche dalla nostra testata, nel primo pomeriggio di ieri il primo cittadino – accusato dalla stessa Villirillo nelle scorse settimane di non aver mantenuto le promesse in merito al pagamento del funerale del figlio in questi sette mesi - ha diramato una nota nella quale faceva chiarezza in merito alla questione, elencando quanto sostenuto dall'amministrazione; alle ore 16 di ieri l'incontro appena citato tra i due. Alle ore 17 la madre di Giuseppe ha convocato una conferenza stampa nella quale – grazie al supporto di Azione Identitaria e all'associazione “Nikol Ferrari” - ha lanciato una raccolta fondi per il pagamento delle spese funerarie, che si dovrebbe concretizzare per la fine del mese di agosto, in concomitanza con la ripartenza dei lavori dell'associazione “Libere Donne” che presiede, qualora il sindaco non mantenesse la promessa del pagamento delle spese.

Si chiude, si spera, il cerchio intorno a una questione fastidiosa, poiché incentrata puramente sui soldi, dimenticando la morte di un ragazzo di 18 anni, strappato nel periodo più bello e spensierato della vita. Bisognerebbe evitare situazioni spiacevoli, fatti di comunicati e conferenze stampa aride: troppi riflettori accesi e interviste vuote non giovano a nulla.

 

Leggi anche:

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: