'Ndrangheta, inchiesta Alchemia: ex vice presidente Consiglio regionale chiede l'abbreviato

Operazione “Alchemia”: oltre a Francesco D'Agostino di Stocco&Stocco chiedono il rito alternativo altri 18 indagati

di Tiziana Bagnato
7 giugno 2017
11:18
Condividi
Francesco D’Agostino
Francesco D’Agostino

Hanno scelto il rito abbreviato 19 degli indagati dell’inchiesta Alchemia, che ha portato a luglio 2015 all’arresto di 40 persone con le accuse a vario titolo di associazione per delinquere di stampo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione, intestazione fittizia di beni e società.

 

Tra coloro che hanno optato per l’abbreviato anche il vice presidente del consiglio regionale Francesco D’agostino, leader di Stocco&Stocco, accusato di essere un prestanome della cosca Raso – Gullace. Secondo l’impianto accusatorio l’azienda, leader del settore da un decennio, risponderebbe al clan. 

 

A dirlo sarebbe stata Teresa Ostarteg, ex moglie di Vincenzo Mamone, imparentato con i Raso – Gullace. La donna lo avrebbe appreso nel corso di conversazioni con i familiari. In un’intercettazione del 2010 fra le sorelle Luciana e Mimma Politi veniva colto proprio uno scambio di battute relativo alla decisione dei vertici della cosca di allontanare Jimmy Giovinazzo dalla Calabria a seguito dei controlli della Guardia di Finanza e dei problemi giudiziari che ne erano conseguiti. Nella conversazione le sorelle affermavano che la decisione era necessaria per potere “stare più tranquilli con questo dello stocco".

Tiziana Bagnato

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Tiziana Bagnato
Giornalista

Lametina, laureata in Scienze della Comunicazione con indirizzo Giornalismo alla Lumsa di Roma, Tiziana Bagnato ha sempre affiancato la carta stampata all’ambito televisivo. Dopo aver lavorat...

Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio