'Ndrangheta, confiscato patrimonio di 2,2 milioni di euro a clan 'Pesce'

Beni per un valore di oltre 2,2 milioni di euro sono stati confiscati ad un imprenditore, già condannato per associazione mafiosa e considerato contiguo al clan egemone nella Piana di Gioia Tauro

di Redazione
17 dicembre 2015
08:20
Condividi

Un patrimonio del valore complessivo di 2,2 milioni di euro è stato confiscato, questa mattina dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria, ad un imprenditore considerato contiguo al clan Pesce di Rosarono, egemone nella Piana di Gioia Tauro e "con importanti e radicate ramificazioni operative su tutto il territorio nazionale ed estero". I finanzieri avrebbero accertato una evidente sproporzione tra l'ingente patrimonio individuato e i redditi dichiarati. L'uomo è già stato condannato in primo grado a 16 anni di carcere per associazione per delinquere di stampo mafioso e a 5 anni per intestazione fittizia di beni. Inoltre è stato sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di dimora per 3 anni. Tra i beni confiscati ci sono quote sociali, il patrimonio aziendale di due società di trasporti e quote di un fondo comune per un valore totale di oltre 2,2 milioni di euro.

 

COMMENTI
Lacnews24.it
X
guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio