'Ndrangheta, confiscato patrimonio di 2,2 milioni di euro a clan 'Pesce'

Beni per un valore di oltre 2,2 milioni di euro sono stati confiscati ad un imprenditore, già condannato per associazione mafiosa e considerato contiguo al clan egemone nella Piana di Gioia Tauro

di Redazione
giovedì 17 dicembre 2015
08:20
Condividi

Un patrimonio del valore complessivo di 2,2 milioni di euro è stato confiscato, questa mattina dalla Guardia di Finanza di Reggio Calabria, ad un imprenditore considerato contiguo al clan Pesce di Rosarono, egemone nella Piana di Gioia Tauro e "con importanti e radicate ramificazioni operative su tutto il territorio nazionale ed estero". I finanzieri avrebbero accertato una evidente sproporzione tra l'ingente patrimonio individuato e i redditi dichiarati. L'uomo è già stato condannato in primo grado a 16 anni di carcere per associazione per delinquere di stampo mafioso e a 5 anni per intestazione fittizia di beni. Inoltre è stato sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di dimora per 3 anni. Tra i beni confiscati ci sono quote sociali, il patrimonio aziendale di due società di trasporti e quote di un fondo comune per un valore totale di oltre 2,2 milioni di euro.

 

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X
COMMENTI

guarda i nostri live stream