‘Ndrangheta, clan Paviglianiti: quattro arresti. C’è anche un tecnico comunale (FOTO-VIDEO)

Sono stati condannati al termine dell’operazione “Ultima spiaggia”, condotta dai carabinieri e coordinata dalla Dda di Reggio. La cosca controllava il traffico di stupefacenti e condizionava il regolare svolgimento delle gare d’appalto nei comuni di San Lorenzo e Bagaladi

di Redazione
30 agosto 2017
11:56
Condividi
Carabinieri
Carabinieri

Nella mattinata odierna i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria unitamente a militari del 14° Battaglione Calabria hanno dato esecuzione all’ordinanza di custodia cautelare emessa dal gip al Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della locale Dda nei confronti di Natale Paviglianiti, 47 anni (già detenuto in carcere) ritenuto reggente dell’omonima cosca operante nel territorio di San Lorenzo, Bagaladi e territori limitrofi, Antonino Pannuti, 50 anni; Francesco Leone, 30 anni (già detenuto) ritenuti appartenenti alla medesima cosca, i quali rispondono del reato di associazione a delinquere di stampo mafioso e Rocco Giovanni Maesano, 70 anni il quale risponde di concorso esterno nella consorteria “Paviglianiti”, illecita concorrenza e estorsione, questi ultimi reati aggravati dalla metodologia mafiosa. Maesano nella sua qualità di responsabile dell’area economico-finanziaria dei Comuni di Bagaladi e San Lorenzo era considerato pubblico amministratore di “riferimento” dell’associazione mafiosa. Paviglianiti, Pannuti e Leone sono stati associati nelle rispettive case circondariali di competenza, mentre Maesano è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

 

Operazione “Ultima spiaggia”

La misura cautelare scaturisce dalla sentenza di condanna emessa il 30.11.2016 dal Tribunale di Reggio Calabria nei confronti della consorteria mafiosa “Paviglianiti” e degli odierni arrestati, ai quali veniva comminata la pena di: 18 anni di reclusione per Natale Paviglianiti; 14 anni di reclusione per Rocco Giovanni Maesano; 12 anni di reclusione per Antonino Pannuti e Francesco Leone.

 

L’attività investigativa condotta dal Comando Provinciale di Reggio Calabria nel 2014, convenzionalmente denominata “Ultima Spiaggia” da cui è scaturita la Sentenza di Condanna e l’emissione dell’odierna misura ha accertato come il comprensorio dei Comuni di San Lorenzo e Bagaladi fosse sottoposto al pervasivo controllo della cosca “Paviglianti”; le indagini hanno infatti consentito di documentare come la cosca, oltre a controllare un cospicuo traffico di sostanze stupefacenti, avesse realizzato una totale infiltrazione nel Comune di San Lorenzo, riuscendone a condizionare ed orientare ogni attività.

 

Le investigazioni hanno, in effetti, permesso di accertare che l’organizzazione criminale, con strumenti, condotte e dinamiche tipiche e consolidate della criminalità organizzata ha: condizionato, con il supporto di imprenditori, alcuni dei quali ritenuti affiliati alla cosca “Paviglianiti”, e con la connivenza di pubblici amministratori locali, il regolare svolgimento delle gare d’appalto bandite dal comune di San Lorenzo e Bagaladi; monopolizzato le attività imprenditoriali nel settore commerciale attraverso il controllo delle imprese locali; riuscendo, più in generale, a condizionare le attività produttive e gestito il traffico di stupefacenti, unitamente ad esponenti di altri sodalizi criminali.

Nel medesimo contesto operativo sono state effettuate perquisizioni a carico di soggetti ritenuti affiliati o vicini alla suddetta consorteria criminale che hanno visto impegnati un considerevole numero di militari dell’Arma dei Carabinieri.

 

guarda i nostri live stream
Guarda lo streaming live del nostro canale all newsGuarda lo streaming di LaC TvAscola LaC Radio