La nave Amerigo Vespucci a Scalea, ecco il programma della giornata

L'arrivo del veliero tra i più belli al mondo è previsto il 18 giugno. Una grande soddisfazione per l'associazione "Cara, vecchia Scalea", che è stato ideatrice e promotrice dell'evento

di Francesca  Lagatta
mercoledì 12 giugno 2019
15:33
3381 condivisioni
La nave Amerigo Vespucci
La nave Amerigo Vespucci

L'impresa di "Cara, vecchia Scalea", l'associazione presieduta da Enzo De Vito, prende forma. In attesa dell'arrivo del veliero "Amerigo Vespucci" nelle acque antistanti la città di Torre Talao, dove arriverà il prossimo 18 giugno, è stato diffuso il programma dell'evento, che vede il coinvolgimento e la partecipazione dell'amministrazione comunale guidata Gennaro Licursi. Il primo cittadino, infatti ha da subito sposato il progetto avanzato e curato da Pino Cardillo, componente dell'associazione promotrice della manifestazione.

Programma di martedì 18 giugno

Gli orari, fanno sapere gli organizzatori, sono del indicativi e potrebbero subire della variazioni:

- ore 9,00, arrivo della nave a Scalea dove sarà accolta da barche, scafi, alla fonda nel nostro mare;

- ore 10,00 -una delegazione, composta da sindaco e autorità civili e militari, salirà a bordo;

- ore 11,00- sbarco con il comandante della nave scuola Amerigo Vespucci, Capitano di Vascello Stefano Costantino, con una delegazione militare;

- saranno deposte corone in memoria dei caduti della seconda guerra mondiale al monumento in piazza Aldo Moro;

- sarà ricordato il sacrificio del giovane marinaio scaleoto, Valerio Jelpa, disperso nell’affondamento dell’incrociatore Armando Diaz silurato da un sommergibile inglese- nella notte del 25 febbraio 1941- mentre scortava un convoglio di navi con rifornimenti per le truppe italiane in Libia.;

- la nave Vespucci renderà omaggio anche ai caduti della prima guerra mondiale con la deposizione di una corona presso il monumento di via Roma;

- la delegazione della Vespucci si recherà successivamente al Palazzo di Città per un saluto al Sindaco, Gennaro Licursi;

- dopo la cerimonia, il Comandante tornerà a bordo;

- l’Amerigo Vespucci salperà verso le 17,30/18,00 mentre la banda musicale intonerà la marcia della Marina Militare;

- la partenza della nave sarà salutata dai fuochi d’artificio della ditta Salvatore Bernardo.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Francesca  Lagatta
Giornalista
Francesca Lagatta è nata a Praia a Mare l’11 aprile del 1985. Dopo molteplici esperienze con la stampa locale, nel 2011 approda dapprima ad Hi Tech Paper del giornalista Leonardo Lasala, poi ad Alganews, il quotidiano on line diretto dal giornalista Rai Lucio Giordano. È in questo periodo che si forma come giornalista di inchiesta. Nel 2014 è nella redazione calabrese di Notìa, poi è la volta de L’Ora siamo Noi, La Provincia di Cosenza e una piccola parentesi televisiva nel programma Perfidia, al fianco della giornalista Antonella Grippo. Scrive ancora per Identità Insorgenti, L’Ora di Palermo, Echi dal Golfo, Diogene Moderno. Nel 2015 sottoscrive un contratto con l’agenzia Kika Media Press, scrive di cronaca su La Spia Press e di inchiesta su La Spia, il portale del giornalista Paolo Borrometi. Successivamente diventa inviata e addetta di Rete L’Abuso, il più grande osservatorio nazionale di crimini commessi in ambienti clericali, collabora per un breve periodo per Radio Siani e poi viene ingaggiata come corrispondente per Cronache delle Calabrie, diretto da Paolo Guzzanti. Nel giugno del 2017 fonda una agenzia pubblicitaria, la Famnews & Com, e diventa direttrice responsabile della nuova testata giornalistica calabrese di inchiesta La Lince. A gennaio 2018 i suoi articoli vengono pubblicati sul settimanale statunitense Harbor News, mentre qualche mese più tardi è il giornale italo canadese Grandangolare ad annoverarla tra i suoi collaboratori. Sulle riviste nazionali ha firmato per i settimanali Cronaca in diretta e Tutto. Dall’agosto del 2018 è corrispondente per LaC News24.   Dal luglio del 2017 compare nell’elenco nazionale dei giornalisti minacciati stilato dall’autorevole sito Ossigeno per L’informazione. Nella sua breve carriera ha già ricevuto cinque premi per le sue inchieste giornalistiche, assegnati da tre diverse regioni del sud Italia: Sicilia, Calabria e Basilicata. Si occupa in prevalenza di 'ndrangheta, sanità, massoneria, politica, pedofilia e corruzione, ma il suo tarlo è la denuncia sociale.

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: