Lite furibonda finisce in tragedia, batte la testa a terra e muore

E' successo a Boscarello nella periferia sud di Schiavonea a Corigliano-Rossano. Non si conoscono i motivi che hanno generato il diverbio. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri della Compagnia di Corigliano

di Marco  Lefosse
giovedì 11 luglio 2019
10:15
30 condivisioni

Cade a terra dopo una funesta lite, batte la testa e muore. Si è spento così Vasile Ciu Ciuc un rumeno di 43 anni senza fissa dimora che nella notte scorsa ha perso la vita a seguito di un diverbio tramutatosi in scazzottata furibonda con un suo connazionale. Il fatto è avvenuto in località Boscarello, nella periferia sud di Schiavonea a Corigliano-Rossano vicino ad un ipermercato della zona e non lontano da una delle tante minibaraccopoli che si “ergono” nel territorio comunale, invisibile e inaccessibile.

 

Non si conoscono i motivi che hanno innescato la lite tra i due ragazzi di origine rumena, ma Ciu Ciuc è quello che ne ha pagato le estreme conseguenze. Vasile era una persona conosciuta nel borgo di Schiavonea perché spesso lo si vedeva in giro  per il centro abitato. Non aveva una residenza stabile e probabilmente, insieme al compagno che poi si è rivelato carnefice, avevano trovato riparo proprio tra le sterpaglie e i canneti di Boscarello non lontani da un antico casolare.

 

Pochi istanti dopo l’accaduto, avvisati dai cittadini che a quell’ora tarda,  di notte, avevano sentito troppo rumore, sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Corigliano, diretta dal capitano Cesare Calascibetta e i sanitari del 118 che purtroppo hanno solo potuto constatare il decesso del 43enne che è morto sul colpo dopo aver battuto la testa.  I militi dell’Arma hanno informato il magistrato di turno della Procura di Castrovillari e sollecitato l’intervento del medico legale per una prima ispezione sul cadavere di Ciu Ciuc, vittima di morte violenta. Mentre il connazionale rivale della vittima veniva portato in caserma allo Scalo coriglianese e al momento in stato di fermo con l’accusa d’omicidio.   

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Marco  Lefosse
Giornalista
Sono Marco Lefosse, classe 1982. Giornalista pubblicista dal 2011 e Idealista nel DNA. Appena diciottenne scrivo alcuni brevi contributi sulla nuova esperienza della giovane destra calabrese per Linea, il giornale di Fiamma Tricolore diretto da Pino Rauti, e per i settimanali il Borghese e lo Stato. A gennaio del 2004 inizio a muovere i passi nei quotidiani regionali. Il mio primo “contrattino” da collaboratore lo firmo con il Quotidiano della Calabria. Nel 2006 lascio il Quotidiano e accolgo con entusiasmo l’invito dell’allora direttore de La Provincia Cosentina di  Genevieve Makaping ad entrare nella squadra della redazione ionica. Nel 2008 arriva il primo vero contratto giornalistico con Calabria Ora. Un’esperienza bellissima che ha forgiato e ben temperato la mia penna. Con onore ho lavorato, ininterrottamente fino al fallimento di questo splendido progetto editoriale nel 2014, per raccontare sempre e a tutti i costi le verità della mia città e del territorio. Parallelamente all’esperienza di Calabria Ora, nel 2011, il neo Sindaco di Rossano, Giuseppe Antoniotti, mi vuole come consulente nello staff dei collaboratori di fiducia. Nel luglio  del 2013, insieme alla collega Giusj De Luca (oggi anche mia splendida compagna di vita), fondo la CMP Agency, una giovane realtà di consulenza per la comunicazione ed il marketing. E nel gennaio 2014 proprio alla CMP è affidato il servizio di Ufficio stampa e Comunicazione istituzionale del Comune di Rossano. Ad Ottobre dello stesso anno, come consulente, seguo la campagna elettorale regionale del candidato Giuseppe Graziano. Dal 2014, chiusa la lunga parentesi dell’informazione con Calabria Ora, insieme alla nuova realtà di CMP Agency mi occupo esclusivamente di comunicazione istituzionale/commerciale e di marketing. Da Aprile 2018 fa parte della meravigliosa famiglia di LaC come corrispondente per i territori dell’alto Jonio calabrese e della neonata Corigliano-Rossano terza città della Calabria.
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream