Lamezia, quartiere Razionale: topi, fogne e case a pezzi

VIDEO | Siamo stati in uno dei rioni popolari del cuore della città. Qui abbiamo raccolto lo sfogo di chi da anni cerca il sostegno e l’intervento dell’Aterp ma senza successo

di Tiziana Bagnato
lunedì 18 febbraio 2019
10:23
20 condivisioni

È come se si stessero accartocciando su se stesse le palazzine popolari del quartiere Razionale, nel cuore di Lamezia Terme. L’intonaco esterno viene via come carta velina, le lesioni strutturali stanno diventando sempre più importanti. I balconi cadono giù, i calcinacci cascano e si sfarinano al suolo, i topi passeggiano, l’asfalto è pieno di avvallamenti e buche. Ma non solo. Quando piove le fogne sgorgano, i liquami invadono il piazzale e penetrano nei garage. Gli abitanti della zona disperati da anni invocano un intervento dell’Aterp ma inutilmente. E intanto si trovano ostaggio di una situazione difficile da risolvere. Raccontano di non avere mai visto qualcuno degli uffici che si occupano degli alloggi residenziali pubblici.

 

La rabbia si accompagna alla preoccupazione. Come quando ci mostrano una colonna portante di una palazzina, in uno scantinato, gravemente lesionata. Profonde crepe attraversano anche la tromba delle scale. I marciapiedi è meglio evitarli, i crolli di calcinacci dall’alto sono frequenti. Ci sono poi diversi aspetti contesi tra comune e Aterp. E così per i residenti diventa difficile anche solo tagliare un albero pericolante. C’è poi uno spazio verde del Comune manutenuto con sudore e soldi dei soli abitanti della zona. Ma quando la crescita degli alberi diventa eccessiva, bisogna attendere mesi per potere ottenere l’autorizzazione a potarli e metterli in sicurezza.

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Tiziana Bagnato
Giornalista
Lametina, laureata in Scienze della Comunicazione con indirizzo Giornalismo alla Lumsa di Roma, Tiziana Bagnato ha sempre affiancato la carta stampata all’ambito televisivo. Dopo aver lavorato nell’emittente regionale Calabria Tv e per diversi anni per il quotidiano Calabria Ora, poi L’Ora della Calabria, è approdata nell’emittente St Television e sul quotidiano Il Garantista di cui è ancora firma. 
Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream

Iscriviti alla newsletter

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti: