Il modello Riace e Lucano al centro della bufera giudiziaria: chiuse le indagini

VIDEO | Il pm di Locri ha notificato l'avviso di conclusioni a 31 persone. Il primo cittadino, sospeso, è finito al centro dell'inchiesta che ha spazzato via il 2 ottobre scorso il modello di integrazione e accoglienza ai migranti e richiedenti asilo. La Procura insiste con le accuse nei suoi confronti. Tra queste associazione a delinquere e favoreggiamento dell'immigrazione clandestina  

di Angela  Panzera
domenica 23 dicembre 2018
06:43
576 condivisioni
Mimmo Lucano
Mimmo Lucano

La Procura di Locri chiude l’inchiesta a carico del sindaco (sospeso) di Riace Mimmo Lucano e per altre 30 persone. È di ieri l’avviso di conclusione dell’indagini preliminari che il sostituto procuratore di Locri, Michele Permunian, ha notificato al primo cittadino del cosiddetto “modello Riace” basato sull’accoglienza e l’integrazione dei migranti e dei richiedenti asilo, e agli altri soggetti coinvolti a vario titolo, nell’inchiesta “Xenia” coordinata dalla Procura, retta da Luigi D’Alessio, e condotta dal Gruppo Locri del comando provinciale della Guardia di Finanza.

 

Il 2 ottobre scorso Lucano era stato raggiunto da ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari poi sostituiti con l’obbligo di dimora fuori dal comune di Riace, dal Tribunale del Riesame di Reggio Calabria, all’esito dell’udienza svoltasi il 16 ottobre. Le accuse contestate dagli inquirenti nei suoi confronti rimangono le medesime: la Procura di Locri non arretra infatti, di un millimetro. I domiciliari erano stati però disposti dal gip “solo” per le ipotesi di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina e il fraudolento affidamento diretto del servizio di raccolta dei rifiuti a due cooperative sociali. Nell’avviso agli indagati della conclusione delle indagini preliminari sono riportate anche altre accuse, rigettate però dal primo giudice.

 

La Procura locrese infatti, contesta a Lucano anche il reato di associazione per delinquere perché «promuoveva e organizzava l’intera struttura, definendo le linee operative delle associazioni-cooperative, controllando di fatto l’associazione “Città Futura”, curando i rapporti con le Istituzioni (Ministero dell’Interno e Sprar) e con i dirigenti della Prefettura di Reggio Calabria al fine di individuare gli strumenti necessari ad interferire sulla regolarità degli affidamenti e dei relativi pagamenti, e infine, essendo principale promotore degli illeciti (…) imputati pure agli altri legali rappresentanti delle associazioni».

 

Al centro dell’indagine c’è quindi, tutta la gestione dei progetti e dei fondi relativi ai progetti di accoglienza che negli anni hanno portato Lucano a divenire un vero e proprio simbolo tanto da essere stato inserito, due anni fa, nell’elenco dei 50 uomini più influenti del pianeta. Un modello divenuto famoso in tutto il mondo e che dal due ottobre scorso è stato spazzato via dall’indagine “Xenia”. Nonostante abbia sostituito la misura cautelare nei suoi confronti il Riesame, però aveva scritto parole durissime nei suoi confronti, e sull’intero sistema di accoglienza, e soprattutto sul suo operato all’interno del Comune arrivando a sottolineare, nel provvedimento  di sostituzione della misura cautelare che «Lucano non può gestire la Cosa Pubblica né gestire denaro pubblico mai ed in alcun modo. Egli è totalmente incapace di farlo e, quel che ancor più rileva, in nome di principi umanitari ed in nome di diritti costituzionalmente garantiti viola la legge con naturalezza e spregiudicatezza allarmanti». Per poi aggiungere, che il sindaco sospeso era «afflitto da una sorta di delirio di onnipotenza e da una volontà pervicace ed inarrestabile di mantenere quel sistema Riace rilucente all’esterno, ma davvero opaco e inverminato da mille illegalità al suo interno». E sui buoni propositi umanitari il Tdl ha sottolineato che gran parte della natura del modello Riace «è stato annacquato e sporcato da una mala e opaca gestione, da mille violazioni di legge e da una volontà sempre più forte ed incontenibile del Lucano di dare l’immagine al mondo esterno di un modello di integrazione e di salvarne ed esportarne le fattezze esteriori a tutti i costi più che di far sì che quel modello apparentemente perfetto lo fosse invero realmente».

 

Adesso la Procura di Locri mette il punto. Gli indagati, tra cui l’ex compagna del primo cittadino, Lemlem Tesfahun, avranno venti giorni di tempo per chiedere di essere interrogati dal pm e nel contempo depositare atti e memorie per la  loro difesa.

 

Ecco l'elenco completo dei 31 indagati:

Domenico Lucano

Gianfranco Musuraca

Ferdinando Antonio Capone

Jerri Cosimo Ilario Tornese

Antonio Santo Petrolo

Giuseppe Sgrò

Nicola Audino

Domenico Latella

Annamaria Maiolo

Renzo Valilà

Salvatore Romeo

Maria Taverniti

Oberdan Pietro Curiale

Cosimina Ierinò

Lemlem Tesfahun

Gebremarian Abeba Abraha

Giuseppe Ammendolia

Valentina Micelotta

Prencess Daniel

Oumar Keita

Assan Balde

Filmon Tesfalem

Cecilia Piscioneri

Alberto Gervasi

Cosimo Damiano Musuraca

Pasquale Valenti

Nabil Moumen

Rosario Antonio Zurzolo

Maurizio Senese

Maria Caterina Spanò

Domenico Sgrò

LEGGI ANCHE: «Sistema Riace inverminato da illegalità». E spunta il tornaconto elettorale di Lucano

Se vuoi ricevere gratuitamente tutte le notizie sulla Calabria lascia il tuo indirizzo email nel box sotto e iscriviti:

Lacnews24.it
X

guarda i nostri live stream